Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio del colera fornisce il nuovo modo emozionante di esame della malattia infettiva

Gli scienziati in Italia hanno scoperto una nuova prospettiva nello studio sulla malattia infettiva. Normalmente, tali studi sono basati sopra il lavoro di laboratorio che esamina un organismo e come funziona all'interno del corpo umano.

Tuttavia, in un documento recente pubblicato in microbiologia ambientale, il Dott. Carla Pruzzo, il Dott. Luigi Vezzulli ed il Dott. Rita R Colwell hanno studiato i batteri ambientali ed è interazione con l'ambiente e trovata che questo ha fornito loro le grandi quantità di informazioni su come l'organismo causa la malattia.

L'organismo che hanno studiato era cholerae del vibrione - responsabili del causare il colera. Nell'ambiente acquatico questo i batteri interagisce con la chitina, un composto naturale trovato nelle pareti cellulari dei funghi e nell'esoscheletro dei crostacei e degli insetti. Questa interazione nell'ambiente acquatico è stata trovata per fare una grande parte nella determinazione come l'organismo sopravvive a, come è sparso e come infetta gli esseri umani.

Il Dott. Vezulli, un autore dello studio ha detto: “Questa conoscenza fornisce una nuova struttura per la comprensione del ruolo dell'ambiente non umano nel pregiudicare la diffusione dei batteri malattia-causanti ambientali (agenti patogeni), la loro derivazione evolutiva ed il modo che infettano gli esseri umani per causare la malattia. Ciò, a sua volta, può applicarsi per migliorare gli approcci correnti alle valutazioni del rischio e l'epidemiologia della malattia infettiva e per sviluppare le nuove risposte per gli agenti patogeni di combattimento nell'ambiente.„