Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I bambini più poveri hanno più problemi dell'occhio che quelli dalle famiglie ricche

I bambini dagli ambiti di provenienza svantaggiati sono più probabili avere determinati problemi con i loro occhi confrontati ai bambini dagli antecedenti più ricchi - in Bristol ha riferito. I bambini dagli ambiti di provenienza svantaggiati sono egualmente meno probabili essere catturati per vedere un ottico che potrebbe correggere i problemi dell'occhio con i vetri, o ad un programma di 'screening'dove la visione dei bambini è controllata ed a tutti i problemi sono fatti riferimento per il trattamento.

Questi risultati sono stati pubblicati appena nel giornale britannico dell'oftalmologia dallo studio “bambini dell'università di Bristol degli anni 90„ (anche conosciuti come lo studio longitudinale di Avon dei genitori e dei bambini). Il gruppo di ricerca ha invitato tutti i bambini nello studio ad una prova dell'occhio quando erano 7 anni e provati oltre 7.500 bambini.

Ai loro genitori sono stati interrogati riguardo alle visite precedenti i problemi dell'occhio ai reparti dell'ottico, alle cliniche di occhio in centri sanitari o ai dipartimenti dell'occhio dell'ospedale. Il gruppo ha trovato che un bambino in ogni 14 ha avuto “restituire l'occhio„ (chiamato uno strabismo, o lo strabismo, significante eyes non indicare nella stessa direzione), o “un occhio pigro„ (anche chiamato ambliopia, trattata rattoppando l'occhio migliore-vedente) o era sufficiente lungimirante che i vetri potrebbero essere necessari.

Lungamente è stato pensato che questi problemi dell'occhio fossero ereditati semplicemente all'interno delle famiglie, ma questo studio ha riferito che dopo storia della famiglia rappresentante dei problemi dell'occhio, i bambini dai più poveri ambiti di provenienza, o chi hanno vissuto in edilizia economica e popolare, era 70 per cento più probabile avere uno di questi problemi dell'occhio confrontati ai bambini dagli ambiti di provenienza ricchi.

Questi bambini erano egualmente 17 per cento meno probabili da essere catturato per vedere un ottico prima dell'età di sette, possibilmente quindi perdendosi il trattamento che potrebbe migliorare la loro vista il problema era stato individuato ad una più giovane età in cui il trattamento di rattoppatura è efficace.

Il ricercatore Cathy Williams del cavo ha detto, “i risultati non spiegano perché i bambini più poveri sono meno probabili ottenere di vedere l'occhio preoccuparsi i professionisti. Potrebbe essere a causa delle difficoltà pratiche per le famiglie svantaggiate se ci sono meno reparti dell'ottico nelle zone residenziali più difficili, o potrebbe essere che ci sono differenze fra i gruppi della classe sociale nella conoscenza circa o negli atteggiamenti nei confronti dei vetri e nei trattamenti per i problemi dell'occhio.„

Ha aggiunto, “se alcuni problemi dell'occhio non sono trattati prima dell'età sette, essi provoca la riduzione permanente e intrattabile della visione di quell'occhio e una maggior probabilità di cecità nella vita più tarda; altri problemi potrebbero significare appena un bambino che ha problemi con il loro lavoro del banco o che sono presi in giro a causa del loro aspetto se hanno “un giro„ ovvio.„

Il gruppo ora spera che i loro risultati stimolino ulteriore lavoro per risolvere il problema e per diminuire questa ingiustizia nella cura dell'occhio per i bambini.

Lo studio longitudinale di Avon dei genitori e dei bambini (anche conosciuti come i bambini degli anni 90) è un progetto di ricerca in corso unico basato sull'università di Bristol. Ha iscritto 14.000 madri durante la gravidanza nel 1991-2 ed ha seguito la maggior parte dei bambini e dei genitori in dettaglio minuscolo da allora.

Lo studio di ALSPAC non potrebbe essere intrapreso senza il contributo finanziario continuo del Consiglio di ricerca medica, della fiducia di Wellcome e dell'università di Bristol fra molti altri.

Se alcuni problemi dell'occhio non sono trattati prima dell'età sette, provocano la riduzione permanente e intrattabile della visione di quell'occhio e una maggior probabilità di cecità nella vita più tarda; altri problemi potrebbero significare appena un bambino che ha problemi con il loro lavoro del banco o che sono presi in giro a causa del loro aspetto se hanno “un giro„ ovvio.

Cathy Williams, ricercatore del cavo