Prevalenza delle masse precancerose nel colon stessi in pazienti nel loro 40s e 50s

La prevalenza delle masse precancerose nel colon è la stessa per i pazienti di medio-rischio che sono 40 - 49 anni e coloro che è 50 - 59 anni, riferiscono un nuovo studio in Gastroenterologia, la Gazzetta ufficiale dell'Istituto Gastroentereologico Americano (AGA) di Associazione.

Corrente, il protocollo standard raccomanda di schermare l'età 50 dei pazienti e più per il tumore del colon basato in aumento l'incidenza di tumore del colon a quell'età. Poiché gli studi d'osservazione hanno indicato che cattura una decade per le crescite precancerose, o gli adenomi, svilupparsi e diventare cancro, l'aumento nella prevalenza del tumore del colon nel gruppo d'età over-50, infatti, può essere il risultato degli adenomi inosservati che erano presenti nelle persone nel loro 40s.

Studio della questa ipotesi, un gruppo dei ricercatori, piombo da DRS. Alfred I. Neugut ed Andrew Rundle dal Centro Medico di Columbia University, colonoscopia confrontata risulta, ripartito per il gruppo d'età. Analizzando le registrazioni da un sistema digitale centralizzato della cartella sanitaria fornito dall'Internazionale di EHE, il gruppo ha esaminato 553 colonoscopie di schermatura per le colonoscopie di schermatura delle età 40 - 49 dei pazienti e 352 per le età 50 - 59 dei pazienti. Le Persone che potrebbero essere reputate “ad alto rischio„ a causa di una storia della famiglia di tumore del colon, di una cronologia personale della malattia di viscere infiammatoria o di tutta la malignità all'infuori del cancro di interfaccia si sono escluse dal campione.

Delle registrazioni esaminate, nei 40 - 49 gruppi d'età, 79 pazienti, o 14 per cento, hanno avuti uno o più adenoma. Similmente, i 50 - 59 gruppi d'età hanno avuti 56 pazienti, o 16 per cento, con gli uno o più adenoma.

“I Nostri risultati supportano la teoria che gli adenomi, che più successivamente possono piombo a cancro, modulo ad un'età più presto dei noi schermano per l'oggi,„ hanno detto Alfred I. Neugut, MD, PhD, il professor di medicina e dell'epidemiologia al Centro Medico di Columbia University e testa di prevenzione del cancro e di controllo per il Centro Completo del Cancro di Herbert Irving del Centro Medico di Columbia University e di Nuovo Ospedale York-Presbiteriano. “Con questi informazioni a disposizione, è logico pensare che se dovessimo raccomandare di schermare per il tumore del colon all'età 40, possiamo potere fare diminuire la sua prevalenza ancora ulteriore e salvare più gente dal dovere combattere la malattia.„

Sebbene il numero degli adenomi sia relativamente simile nelle due fasce d'età, c'era un raddoppiamento nella prevalenza della crescita anormale delle cellule, o della neoplasia avanzata, nei 50 - 59 gruppi d'età contro i 40 - 49 gruppi d'età. Mentre non statisticamente significativi, nei 40 - 49 gruppi d'età, 11 paziente, o 2 per cento, ha avuto un neoplasma avanzato e nei 50 - 59 gruppi d'età, 13 pazienti, o 4 per cento, hanno avuti un neoplasma avanzato.

“Che Cosa questo implica è che mentre il numero delle crescite precancerose è molto simile in entrambe le fasce d'età, c'è una progressione verso cancro in pazienti più anziani,„ ha detto Andrew Rundle, DrPH, assistente universitario dell'epidemiologia al Banco del Postino di Colombia della Salute pubblica. “La crescita Anormale delle cellule è un segnale di pericolo di cancro, così il fatto che c'è un aumento nella neoplasia avanzata nel gruppo di vecchiaia è in conformità con l'incidenza che aumentata del tumore del colon vediamo in persone sopra l'età di 50. La Rilevazione degli adenomi quando i pazienti sono nel loro 40s potrebbe significare che possiamo drasticamente abbassare la prevalenza di cancro colorettale. Gli studi Supplementari devono essere fatti per osservare specificamente questa possibilità ed il beneficio di costo della selezione dell'inizio un'età più giovane.„

L'Internazionale di EHE, che ha patrocinato la ricerca, sta fornendo gli esami fisici completi per 95 anni e dal 2002 sta usando un sistema elettronico digitale della cartella sanitaria che può fornire i dati anonimi e de-identificati per la ricerca biomedica. “Siamo entusiasmati che i dati della cartella sanitaria che abbiamo accumulato nel corso degli anni con il nostro affare possono essere usati per condurre tale ricerca importante e per promuovere il maggior buon,„ abbiamo detto Deborah McKeever, Presidente dell'Internazionale di EHE.

Soltanto uno studio priore ha studiato la prevalenza degli adenomi colorettali nelle persone di medio-rischio invecchiate 40 - 49 anni negli Stati Uniti e riferisce i risultati molto simili: una prevalenza dell'adenoma di 11 per cento nel gruppo d'età.

http://www.gastro.org/