Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Rilevazione della diagnosi del cancro al seno alla famiglia ed agli amici

Le donne diagnosticate con cancro al seno mettono il carico sulle spalle emozionale di rilevazione della loro diagnosi ai cari, gestente precisamente le sensibilità di altre al momento quando hanno bisogno del supporto stesse, secondo la ricerca di essere presentato alla riunione annuale dell'associazione sociologica americana (ASA).

La ricerca è il primo studio a comparativamente e qualitativamente esamina come i superstiti del cancro al seno da razziale e dalle origini etniche differenti dividono le notizie della loro malattia con la famiglia, gli amici e le conoscenze. I ricercatori hanno intervistato 164 superstiti del cancro al seno per esaminare “il lavoro di emozione„ coinvolgere nella rilevazione della diagnosi del cancro al seno. Questi superstiti hanno compreso una miscela di donne razziale diverse sopportate negli Stati Uniti e gli immigrati e sono stati reclutati in tutto l'area di San Francisco Bay.

“Le donne diagnosticate con cancro al seno affrontano una battaglia emozionale in salita,„ ha detto la tolleranza J. Yoo, un sociologo alla San Francisco State University ed il ricercatore primario dello studio. “In un momento in cui sono costretti a occuparsi delle loro proprie vulnerabilità, le donne con cancro al seno devono anche traversare le vulnerabilità dei cari mentre reagiscono alle notizie.„

Per le donne-tipico percepite come badante e prevedute di mettere le emozioni di altre sopra la loro propria-un diagnosi del cancro al seno presenta un paradosso, secondo Yoo. Le donne devono affrontare la sfida di determinazione come chiedere guida da altre quando sono vedute tipicamente come il badante.

Secondo le interviste con i superstiti del cancro al seno, le strategie differenti sono state impiegate nelle conversazioni con i membri di parenti prossimi confrontati a quelli fuori della famiglia. I superstiti hanno osservato l'informazione della loro famiglia della diagnosi come loro maggior parte di compito difficile dopo una diagnosi. La maggior parte dei dichiaranti hanno ritenuto che la necessità di gestire strategico i membri della famiglia di modo fosse detta per proteggere i loro cari e fornire la comodità e la riassicurazione.

Il contrario all'approccio che hanno usato con le loro famiglie, donne ha collegato spesso spontaneamente la loro diagnosi ai pari. La maggior parte dei dichiaranti sono stati sorpresi dalle dimensioni del supporto che hanno ricevuto come conseguenza di queste conversazioni non pianificate e dalla profondità e dalla larghezza delle loro proprie reti sociali.

“Donne che limitano le loro emozioni nella discussione del loro limite di diagnosi del cancro al seno spesso le possibilità per supporto che possono ricevere,„ ha detto Yoo. “Comprendere ed includere altre in una malattia aumentano l'intimità fra gli amici e la famiglia ed aprono la porta a supporto supplementare.„

Yoo co-ha creato lo studio con i ricercatori Caryn Aviv dall'università di Denver; Ellen G. Levine della San Francisco State University; e Cheryl Ewing ed Au di Alfred, entrambi il centro completo del Cancro di UCSF.