Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Infezioni da MRSA controllabile mammella nelle donne che allattano, i ricercatori a trovare

Madri che allattano molti che sono stati ricoverati in ospedale per ascessi al seno sono afflitti con il "superbatterio" Staphylococcus aureus resistente alla meticillina, o MRSA, ma secondo la nuova ricerca condotta da medici UT Southwestern Medical Center, il trattamento conservativo in grado di affrontare il problema.

La studio si è concentrato sulle donne ricoverato in ospedale con mastite, e ha dimostrato che di comunità associate MRSA è molto più probabile trovare in coloro che avevano entrambi mastite (infiammazione delle ghiandole del latte) e ascessi (sacche di infezione).

Lo studio è stato progettato per determinare come mastiti con e senza formazione di ascessi risposto al diverso trattamento antibiotico. La maggior parte dei casi sono causati da infezioni batteriche, generalmente da Staphylococcus S, o "stafilococco". Ci sono molti ceppi di stafilococco, uno dei quali è MRSA.

e Ginecologia. "Lei migliorerà con un antibiotico specifico meno fino a quando lei si svuota anche il seno, sia attraverso l'alimentazione o di pompaggio, e se c'è un ascesso, viene trattata."

Lo studio ha anche dimostrato che se una madre che allatta ha mastite o un ascesso causato da MRSA, lei non ha immediatamente bisogno di antibiotici contro l'infezione da MRSA a meno che non risponde alla terapia antibiotica convenzionale.

Trattare tutti gli ascessi o mastite al seno immediatamente con farmaci potenti che combattono MRSA comporta un rischio di creazione di ceppi sempre più resistenti agli antibiotici di stafilococco, il dottor Stafford ha detto.

"Il medico può prendere il tempo per testare il paziente per determinare che tipo di batterio che ha", ha detto il Dr. George Wendel , professore di ostetricia e ginecologia e autore senior dello studio. "Abbiamo scoperto che non avete intenzione di mettere il paziente in uno svantaggio se il suo inizio su antibiotici tradizionali mentre si attende per i risultati cultura".

Lo studio ha coinvolto 136.459 donne che hanno partorito al Parkland Memorial Hospital tra il 1997 e il 2005. Di questi, 127 sono stati ricoverati con la mastite, che tende a verificarsi in donne più giovani che hanno il loro primo figlio.

I ricercatori hanno scoperto che circa il 59 per cento delle donne con entrambe le mastiti e di ascessi aveva MRSA, mentre solo il 2 per cento delle donne con mastite solo aveva MRSA. Perché lo studio monitorato solo le donne che erano stati ricoverati in ospedale, non c'è modo di sapere se questa proporzione è la stessa in donne trattate per mastiti a livello ambulatoriale, ha detto il dottor Wendel.

MRSA è resistente a molti antibiotici, ma i ricercatori hanno scoperto che anche nei casi in cui la causa esatta della mastite o ascesso non era ancora stata determinata, e le donne inizialmente ricevuto gli antibiotici che non dovrebbero sradicare MRSA, tutti alla fine recuperato completamente.

Circa il 2 per cento al 10 per cento di tutte le madri che allattano sviluppare una sorta di infiammazione della mammella come la mastite, hanno detto i ricercatori. I sintomi della mastite includono febbre inspiegabile e profondo dolore o gonfiore in un seno, ma non l'altro.

A differenza di mastite, un ascesso al seno è una complicanza caratterizzata da una raccolta locale di pus, che causa dolore ad una specifica area che può sentire caldo al tatto e appaiono di colore rosso sulla pelle.

"Le donne dovrebbero richiedere cure mediche se hanno sintomi o preoccupazioni per le infezioni del seno," il Dott. Stafford ha detto.

Altri UT Southwestern ricercatori coinvolti nello studio sono stati Drs. Jennifer Hernandez e Vanessa Laibl Rogers , entrambi professori assistente di ostetricia e ginecologia, e Drs. Jeanne Sheffield e Scott Roberts , entrambi professori associati di ostetricia e ginecologia.