La molecola Recentemente scoperta promette i migliori trattamenti per gli attacchi di cuore, cardiochirurgia

Gli Scienziati hanno scoperto un composto che potrebbe piombo ai nuovi trattamenti affinchè gli attacchi di cuore come pure i metodi proteggesse i cuori durante la chirurgia a cuore aperto ed altre situazioni in cui il flusso sanguigno al cuore è interrotto.

Nel trattamento, i ricercatori hanno scoperto i meccanismi cellulari che contribuiscono a spiegare come l'alcool può proteggere da danno di attacco di cuore. Inoltre, hanno scoperto un tasto possibile a diminuire il dolore toracico ed il danno di attacco di cuore fra milioni di persone di origine Asiatica Orientale che non possono geneticamente reagire a nitroglicerina e ad altri trattamenti cardiovascolari.

Un gruppo di ricerca degli scienziati scuole di medicina ad università di Indiana e di Stanford riferisce nell'emissione del 12 settembre della Scienza del giornale che salto-avviando un enzima particolare potevano significativamente ridurre la quantità di morte delle cellule causata da mancanza di flusso sanguigno al cuore.

Il gruppo, piombo da Daria Mochly-Rosen, Ph.D., il professor del prodotto chimico e della biologia di sistemi a Stanford, trovato che amministrare un composto chiamato Alda-1 ha attivato l'enzima, diminuente il danno del muscolo di cuore negli esperimenti che comprendono i ratti.

In Primo Luogo, tuttavia, i ricercatori hanno studiato i vari meccanismi conosciuti per fornire il cardioprotection alle celle di muscolo del cuore, compreso l'uso di etanolo, capire meglio come quei meccanismi hanno funzionato. Quel lavoro ha rivelato un sistema di segnalazione cellulare che ha attivato un enzima particolare chiamato ALDH2.

“L'idea era di trovare una piccola molecola che potrebbe oltrepassare il trattamento di segnalazione ed attivare direttamente l'enzima,„ ha detto Thomas D. Hurley, Ph.D., il professor della biochimica e della biologia molecolare e Direttore del Centro per Biologia Strutturale alla Scuola di Medicina di IU. La ricerca di Hurley ha compreso gli anni di studio dell'enzima ALDH2.

Sebbene la molecola Alda-1 diminuisca il danno di tessuto del cuore nelle prove di laboratorio, gli anni di lavoro saranno necessari da raffinare il composto in una versione che sarebbe potenzialmente efficace e sicura per uso umano, il Dott. Hurley hanno detto.

Quel vantaggio potrebbe estendere a circa 40 per cento della gente di origine Asiatica Orientale che porta un modulo mutato dell'enzima ALDH2, che le mette al rischio aumentato di danno cardiovascolare.

Il Finanziamento per questa ricerca è stato fornito dagli Istituti della Sanità Nazionali e dal programma della SCINTILLA dell'Università di Stanford.

http://www.iupui.edu