Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Malaria dell'aeroporto

In un mondo globale, i fattori significativi pregiudicano la diffusione delle malattie infettive, compreso commercio internazionale, il viaggio æreo e la produzione alimentare globalizzata. “La malaria dell'aeroporto„ è un termine punzonato dai ricercatori per spiegare la diffusione più recente di malaria alle aree quali gli Stati Uniti e l'Europa, che alcuni scienziati accreditano ai mutamenti climatici più caldi.

La malaria dell'aeroporto è trasmessa quando una zanzara infettata con la malattia morde un essere umano all'interno della vicinanza (solitamente un miglio o di meno) di un aeroporto internazionale. I mutamenti climatici più caldi nelle città importanti degli Stati Uniti con una grande presenza di traffico aereo internazionale, quali New York e Los Angeles, sembrano creare un ambiente d'accoglienza in cui queste zanzare infettate possono sopravvivere a. Comincia con una zanzara che è trasportata durante il volo internazionale da una regione di malaria-endemico. Una volta che la zanzara femminile infettata lascia gli aerei, può sopravvivere a abbastanza lungamente per cercare i pasti di sangue e per trasmettere la malattia ad altri esseri umani all'interno dell'aeroporto. Questo tipo di trasmissione internazionale crea una possibilità aumentata per la rintroduzione non appena di malaria, ma altre malattie nocive quali febbre rompiossa e febbre di Chikungunya, nelle aree dove non sono trovati normalmente. Per esempio, la gente infettata con malaria può viaggiare dovunque nel mondo in 24 ore o più di meno e finchè le zanzare ditrasmissione sono presenti, i paesi possono affrontare i più grandi scoppi locali di malaria inclusa.

“Mentre il viaggio internazionale aumenta e reticoli di clima cambia - specialmente temperature di riscaldamento di notte e precipitazione aumentata -- gli Stati Uniti si trasformano in in un ecosistema più stabile affinchè questi insetti di trasporto di malattia sopravvivano a e fiorire per i periodi più lunghi,„ dice James H. Diaz, M.D., membro del ASTMH e direttore del programma per ambientale e salute sul lavoro alla Louisiana State University.

Il Dott. Diaz spiega che le estati calde e asciutte seguite da pioggia persistente induce le zanzare a affrettare l'allevamento e cercare più pasti di sangue, che a sua volta crea più zanzare in un periodo di scarsità. Similmente, mentre la stagione invernale diventa più delicata, le zanzare e le loro uova stanno sopravvivendo a più lungamente e non essendo uccidendo dalla gelata di inverno rigido. Questi mutamenti climatici estremi tengono conto le vite riproduttive più lunghe e l'allevamento prolungato condisce, mentre aumenta il rischio di zanzare infettate che spargono la malaria negli Stati Uniti.

Mentre questo è un problema crescente per gli Stati Uniti ci sono modi contribuire ad impedire la diffusione di malaria dell'aeroporto. “La migliore difesa contro la diffusione di malaria con il viaggio internazionale è prevenzione, individuazione tempestiva ed il trattamento dei pazienti malaria-infettati e vuotando le aree stagnanti di acqua in cui le zanzare crescono e fanno le uova,„ dice il Dott. Diaz. “La gente deve ricordarsi che la malattia del Nilo occidentale è stata introdotta in Stati Uniti nel 1999 tramite il viaggio æreo internazionale. Prima del raggiungimento degli Stati Uniti, il Nilo occidentale non è stato osservato come minaccia in America settentrionale. Ora vediamo appena quanto le malattie infettive possono essere sparse rapidamente e facilmente, provando che dobbiamo approntare le misure per proteggerci da queste malattie prima che realmente raggiungano gli Stati Uniti.„