Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Cellule tumorali ovariche, testicolari, cape e del collo di uccisione di Phosphaplatins

Una nuova classe di composti chiamati phosphaplatins può efficacemente uccidere le cellule tumorali ovariche, testicolari, cape e del collo con potenzialmente la meno tossicità che le droghe convenzionali, secondo un nuovo studio pubblicato questa settimana negli atti del giornale dell'Accademia nazionale delle scienze.

I composti potrebbero essere meno nocivi che i trattamenti del cancro correnti sul servizio quali il cisplatin ed il carboplatino perché non penetrano il nucleo e l'attaccatura delle cellule a DNA, hanno detto l'autore principale Rathindra Bose. Le droghe convenzionali possono interferire con le funzioni degli enzimi delle cellule, che piombo agli effetti secondari quali perdita di capelli e di audizione e disfunzione del rene.

Sebbene gli scienziati completamente non capiscano il meccanismo da cui i phosphaplatins uccidano le cellule tumorali, sospettano che i composti legano alle proteine della membrana della superficie delle cellule e trasmettono “un segnale di morte„ all'interno della cella, Bose ha detto. I composti sono creati fissando il platino ad un legante del fosfato, che può ancorarsi prontamente alla membrana cellulare. Gli studi futuri metteranno a fuoco sull'identificazione del trattamento esatto.

“I risultati suggeriscono una variazione di paradigma negli obiettivi molecolari potenziali per le droghe anticancro del platino e nel loro sviluppo strategico,„ ha detto Bose, un professore delle scienze biomediche e della chimica e vice presidente per la ricerca all'Ohio University che ha condotto il lavoro mentre alla Northern Illinois University.

La prima droga sviluppata per il trattamento dei cancri ovarici e testicolari, cisplatin, era approvata per uso nel 1982. Sebbene sia 95 per cento efficaci, funziona il più bene durante le fasi iniziali della malattia ed alcuni pazienti sviluppano una resistenza. Due droghe presentate più successivamente, il carboplatino e l'oxaliplatino (che è usato per cancro colorettale), hanno superato alcuni di quei problemi, ma la loro potenza può nuocere al sistema immunitario dei pazienti, ha detto Bose, che sta studiando i composti e gli obiettivi alternativi per questi cancri per 25 anni.

Phosphaplatins ha il potenziale di essere più efficiente, mirato a e creare meno effetti secondari nel paziente, Bose ha detto. Il nuovo studio indica che i phosphaplatins possono uccidere le celle ovariche alla metà del dosaggio delle droghe convenzionali, ma è appena come potente. A differenza del cisplatin, che può decomporrsi rapidamente e creare gli effetti secondari tossici supplementari attraverso i prodotti della decomposizione, i nuovi composti non mostrano segni di degradazione dopo i sette giorni, lui hanno aggiunto.

Un brevetto degli Stati Uniti è in corso sul lavoro; due brevetti provvisori file. Bose ed i suoi colleghi dopo proveranno i composti nei modelli dei mouse.