Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La proteina minuscola provoca il legame sano fra le celle

Nelle relazioni umane, una determinata “scintilla„ governa spesso se preferiamo una persona ad un altro e le prime impressioni critiche possono accadere nei secondi.

Un cavo del gruppo dai ricercatori di Johns Hopkins ha trovato che la cella--cella “amicizie„ funziona più o meno allo stesso modo e che il legame disfunzionale è collegato alla diffusione di cancro.

La ricerca è stata pubblicata nell'edizione online in anticipo del 18 novembre degli atti delle Accademie nazionali delle scienze e compare il giornale nell'edizione della stampa del 25 novembre.

“Saldare fra le celle ha implicazioni importanti di salubrità,„ ha detto l'autore senior dello studio, Denis Wirtz, un professore di assistenza tecnica chimica e biomolecolare nel banco del merlano di assistenza tecnica a Johns Hopkins. “Quando le cellule tumorali si liberano dai loro vicini, possono spargere la malattia attraverso l'organismo. Se possiamo imparare più circa questo trattamento, possiamo trovare i nuovi modi tenere il cancro nell'assegno.„

Verso quello scopo, Wirtz, che egualmente è direttore associato dell'istituto di Johns Hopkins per nanobiotecnologia, piombo un gruppo che ha messo a fuoco sull'alfa-catenin, una piccola proteina che fluttua nel citoplasma, il materiale del tipo di gel dell'multi-istituzione che circonda il nucleo dentro una cella. L'Alfa-catenin permette che le celle riconoscano quasi immediatamente le celle vicine come “amici„, piombo alla creazione di molte forti obbligazioni che sono dure da rompersi. Tuttavia, le cellule tumorali, compreso quelle trovate nel cancro gastrico diffuso e nel cancro polmonare, possiedono l'alfa-catenin disfunzionale e formano le obbligazioni molto deboli con i loro vicini. Ciò li permette di liberarsi dalle masse delle cellule e di spargere il cancro in tutto l'organismo.

Per capire meglio queste caratteristiche di legame, Wirtz ed i suoi colleghi hanno usato una tecnica chiamata microscopia atomica della forza per studiare gli unicellulari con e senza l'alfa-catenin di funzionamento. Questa tecnica registra le forze minuscole, misurate nei nanoNewtons, che le celle esercitano sopra una un altro.

Il gruppo di Wirtz ha scoperto che le celle normali con le obbligazioni formate alfa-catenin correttamente di funzionamento che erano quattro volte più stabili di quelle senza alfa-catenin funzionale e queste prime obbligazioni si sono formate in meno di 1 millisecondo. Più lunghe le celle rimanessero in contatto con una un altro, il più numeroso e più forte queste obbligazioni sono diventato. Le connessioni fra queste celle hanno somigliato a quelle che si presentano con un tipo popolare di materiale del fermo. “Questa formazione accelerata di obbligazioni supplementari fra le celle vicine era analoga “del velcro„ effetto,„ Wirtz ha detto.

Al contrario, le celle senza alfa-catenin funzionale hanno formato le obbligazioni deboli dall'inizio. Inoltre, proprio mentre queste celle sono rimanere in contatto, le resistenze di legame hanno continuato a diminuire. Wirtz ha suggerito che se gli scienziati potessero capire un modo riparare o sostituire la disfunzione dell'alfa-catenin trovata in alcune cellule tumorali, potrebbe piombo ad una terapia che contrasta la diffusione di cancro.