Il parechovirus umano può avviare il diabete di tipo 1

Il parechovirus umano è un virus inoffensivo che è incontrato dalla maggior parte dei infanti e video pochi sintomi.

Sospettato dell'avviamento del diabete di tipo 1 in gente suscettibile, i metodi della ricerca devono prendere questo virus “silenzioso„ in considerazione. Ciò viene dai risultati in uno studio dall'istituto della salute pubblica norvegese.

Questo studio fa parte di un progetto a lungo termine all'istituto della salute pubblica norvegese da studiare se i fattori di rischio ambientali pregiudicano il diabete di tipo 1. I campioni ed i questionari fecali circa la salubrità di 102 bambini sono stati introdotti mensile dai loro genitori per lo studio più approfondito.

I ricercatori hanno voluto vedere come le infezioni umane comuni di parechovirus erano fra gli infanti norvegesi. La ricerca attuale indica che un virus relativo che pregiudica soltanto i roditori, virus di Ljungan, è stato collegato allo sviluppo del diabete del roditore.

Virus comune

Studiando i campioni di feci da 102 infanti e confrontando il feedback dai genitori circa la loro salubrità del bambino in tre anni, nessun collegamento significativo ha potuto essere trovato fra gli episodi di infezione ed i sintomi tipici quali la tosse, lo starnuto, il vomito, la diarrea o la febbre. Dall'età di due, 86 per cento degli infanti hanno avuti la prova del parechovirus in loro feci e 94 per cento dall'età di tre. Il parechovirus umano 1 era il tipo più prevalente (76 per cento) seguito dai parechoviruses umani 3 e 6 (13 per cento e 9 per cento rispettivamente).

I ricercatori egualmente hanno notato un aumento nell'infezione di parechovirus fra le età di 6 e 18 mesi. Ciò potrebbe essere dovuto la perdita di anticorpi materni entro 6 mesi dell'età o dell'esposizione ai gruppi gioco/del vivaio che comincia spesso a questa età in Norvegia. La maggior parte delle infezioni si sono presentate durante i settembre a dicembre.

I 102 infanti sono stati reclutati dai bambini sopportati nel 2004, con la metà dal gruppo ad alto rischio per il tipo 1 del diabete e dal resto da un gruppo a basso rischio. Il gruppo “ad alto rischio„ ha incluso i bambini che erano stati identificati alla nascita per portare il genotipo di HLA che conferisce il più alto rischio conosciuto per il diabete di tipo 1. Il gruppo che non porta il genotipo ad alto rischio ha incluso i bambini sopportati allo stesso tempo e nella stessa area ai bambini ad alto rischio.

I ricercatori concludono che la maggior parte dei infanti sono infettati dal parechovirus umano senza video i sintomi ed in modo dal numero totale delle infezioni precedenti dovrebbe essere considerato quando cerca i grilletti per il diabete di tipo 1 fra coloro che è geneticamente al rischio. Forse troppo poche infezioni o infezione ad un punto troppo recente di tempo hanno potuto essere importante.