Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Vantaggi diffusi di offerte di vitamina D per salubrità

La vitamina D sta diventando rapidamente “„ sostanza nutriente con le indennità-malattia per le malattie, compreso cancro, osteoporosi, la malattia di cuore ed ora il diabete.

Una recensione recente pubblicata dai ricercatori dal banco di Chicago Marcella Niehoff dell'università di Loyola di professione d'infermiera ha concluso che l'assunzione adeguata della vitamina D può impedire o ritardare l'inizio del diabete e diminuire le complicazioni per coloro che già è stato diagnosticato. Questi risultati sono comparso nell'ultima emissione dell'educatore del diabete.

“La vitamina D ha vantaggi diffusi per la nostra salubrità e determinate malattie croniche in particolare,„ ha detto Sue Penckofer, il Ph.D., R.N., il co-author di studio e professore, banco di Chicago Marcella Niehoff dell'università di Loyola di professione d'infermiera. “Questo articolo ulteriore conferma il ruolo di questa sostanza nutriente nella prevenzione e nella gestione di intolleranza al glucosio e del diabete.„

Molti dei 23 milione Americani con il diabete hanno bassi livelli di vitamina D. La prova suggerisce che la vitamina D svolga un ruolo integrale nella sensibilità e nella secrezione dell'insulina. La carenza di vitamina D deriva in parte da nutrizione difficile, che è una delle emissioni più provocatorie per la gente con il diabete. Un altro colpevole è l'esposizione diminuita a luce solare, che è comune durante i mesi del freddo in cui i giorni sono più brevi e più tempo è passato all'interno.

Uno studio esaminato per questa recensione ha valutato 3,000 persone con il diabete di tipo 1 ed ha trovato un rischio in diminuzione nella malattia per la gente che ha catturato i supplementi di vitamina D. Gli studi d'osservazione della gente con il diabete di tipo 2 egualmente hanno rivelato che il completamento può essere importante nella prevenzione di questa malattia.

“La gestione della carenza di vitamina D può essere un semplice e metodo redditizio per migliorare controllo dello zucchero di sangue e per impedire le complicazioni serie connesse con diabete,„ ha detto Joanne Kouba, il Ph.D., R.D., L.D.N., co-author di studio e assistente universitario clinico della dietetica, banco di Chicago Marcella Niehoff dell'università di Loyola di professione d'infermiera.

La dieta da solo non può essere sufficiente per gestire i livelli di vitamina D. Una combinazione di ingestione dietetica adeguata della vitamina D, l'esposizione a luce solare ed il trattamento con il vitamina D2 o supplementi D3 può fare diminuire il rischio di diabete e di preoccupazioni relative di salubrità. L'intervallo preferito nell'organismo è 30 - 60 ng/mL di 25 vitamine D (OH).

“La gente a rischio del diabete dovrebbe essere schermata per i bassi livelli di vitamina D,„ ha detto Mary Ann Emanuele, M.D., F.A.C.P., co-author di studio e professore di medicina, di divisione dell'endocrinologia e di metabolismo, sistema di salubrità dell'università di Loyola. “Questo permetterà che i professionisti di sanità identifichino una sottoalimentazione nella fase iniziale ed intervengano per migliorare la salubrità a lungo termine di queste persone.„

La carenza di vitamina D anche può essere associata con l'iperglicemia, l'insulino-resistenza, l'ipertensione e la malattia di cuore. Infatti, Penckofer recentemente ha pubblicato un altro studio nella circolazione che ha riferito sul ruolo della carenza cronica di vitamina D nella malattia di cuore. Lo studio di circolazione crea la valletta inclusa W. Sizemore, il MD, professore emeritus di medicina, di divisione dell'endocrinologia e del metabolismo, della scuola di medicina di Chicago Stritch dell'università di Loyola e di Diane il E. Wallis, il MD, gli specialisti di cuore di Midwest, Downers Grove, Ill.