Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli odori possono alterare l'espressione genica in un neurone olfattivo

La nuova ricerca dall'università di California, Davis, mostra perché le specie di verme minuscolo possono imparare trascurare un odore - informazioni che potrebbero avere implicazioni per come le memorie umane sono formate.

Gli scienziati hanno saputo per le decadi che i neuroni sensoriali - nervi nei posti gradisca le nostri barrette, orecchie ed occhi - cominciano il compito complesso delle viste di trattamento, dei suoni e di altri stimoli prima della spedizione del processo all'unità centrale di un ordinatore dell'organismo: il cervello. Ma appena come questi neuroni compire il loro compito non è stato capito bene.

Ora i ricercatori a Uc Davis hanno fatto una scoperta sensazionale: che in neuroni olfattivi, le esclusioni di odore le vie regolarici normali nel nucleo ed invece amplifica la sintesi di una proteina agendo sul RNA, i messaggeri molecolari che portano tipicamente le istruzioni da DNA nel nucleo ai meccanismi proteina costruzioni nella cella.

“Che cosa è unico circa questo studio è che fornisce alla prima prova che un prodotto chimico nel nostro ambiente cambia l'espressione genica nei sui propri, al modo molto specifico all'interno di un organo sensoriale,„ a Noelle spiegata L'Etoile, al ricercatore principale dello studio ed all'assistente universitario della psichiatria e delle scienze comportamentistiche al centro di Uc Davis per la neuroscienza. “Questo implica l'importanza reale di RNA nel gestire quando le proteine sono fatte ed indica che l'ambiente può realmente cambiare che RNA fa.„

Sondando in profondità nelle vie molecolari di un verme microscopico ha chiamato i elegans del C., L'Etoile ed il co-author Julia Kaye, un ricercatore postdottorale al centro, trovato che l'esposizione prolungata ad un odore amplifica la produzione di una proteina che pone freno la risposta del verme all'odore e che questa attività accade molto vicino all'area dove l'odore entra nel neurone. Il loro studio compare nell'emissione del 15 gennaio del neurone del giornale.

La proteina regolatrice che guida questa risposta egualmente è trovata in una regione importante di formazione nel cervello mammifero, L'Etoile di memoria ha spiegato. “Così questo lavoro potrebbe piombo alle scoperte circa il ruolo il gioco di queste proteine nella memoria ed apprendimento di ordine superiore negli esseri umani,„ ha detto.

Per studiare la base molecolare dell'odore, i ricercatori hanno usato una popolazione dei elegans del C. con una mutazione che blocca la capacità normale dei vermi di trascurare gli odori che non sono collegati ad alimento. L'Etoile più presto aveva trovato che questa mutazione si presenta in una regione di RNA che regolamenta l'espressione, o di sintesi, di una proteina chiamata PACCHETTO.

Nel nuovo studio, hanno trovato che il RNA in neuroni sensoriali dei vermi difettosi più non lega alle proteine di Pumilio, molecole regolarici trovate in una diversità delle specie da lievito agli esseri umani. Ciò piombo alla loro scoperta che quando i vermi normali sono esposti all'odore di butanone senza il collegamento dell'alimento, una proteina di Pumilio nel neurone olfattivo arpona la produzione del PACCHETTO, spingente le creature finalmente a perdere l'interesse nell'odore. La scoperta tiene una torsione supplementare e nuova, L'Etoile ha aggiunto: un'inversione emozionante di ruolo per le proteine di Pumilio, che finora sono state conosciute soltanto per sopprimere la sintesi delle proteine.