Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova ricerca può piombo ai nuovi approcci farmacologici a trattare l'obesità

Gli scienziati all'università di North Carolina alla scuola di medicina di Chapel Hill hanno scoperto un gene che quando obesità mutata di cause inumidendo la capacità dell'organismo di bruciare energia mentre lasciando appetito inalterato.

La nuova ricerca potrebbe potenzialmente piombo ai nuovi approcci farmacologici a trattare l'obesità in esseri umani che non mirano al cervello, secondo lo studio ricercatore senior di Yi Zhang autore, di Ph.D., di Howard Hughes Medical Institute e professore della biochimica e della biofisica nella scuola di medicina di UNC. Zhang è egualmente un membro del centro completo del Cancro di UNC Lineberger.

I risultati egualmente aggiungono la conoscenza nuova al campo germogliante del epigenetics, in cui i cambiamenti ereditabili nell'espressione genica o nell'aspetto fisico sono causati dai meccanismi oltre ai cambiamenti nel DNA di fondo.

Il gene in questione codifica per un fattore epigenetico specifico, un enzima chiamato Jhdm2a. Nel 2006, Zhang ha indicato che Jhdm2a poteva a demethylate, o elimina, un gruppo metilico da una di quattro proteine dell'istone limitate a tutti i geni. Poiché sono associati così intimamente con DNA, anche le leggere alterazioni chimiche degli istoni possono avere effetti profondi sui geni vicini.

Il nuovo studio ha messo a fuoco su una riga di cosiddetti mouse “knockout„ che mancavano del gene di Jhdm2a. Zhang ha trovato il danno in due vie molecolari di segnalazione importanti per la funzione normale in celle grasse marroni di muscolo e del tessuto. Entrambe le vie esercitano un'influenza importante su metabolismo, la conversione dell'organismo di alimento ad energia. Senza l'enzima, i mouse avevano diminuito i metabolismi, diventanti visibilmente obesi.

Alla conoscenza di Zhang, questo è il primo modello del mouse per esibire i tratti obesi che fanno non derivando da un'alterazione nell'appetito, che è in gran parte una funzione del cervello. “Poichè questo gene non è espresso nel cervello, alcuna droga che mira a questo gene non avrebbe un effetto sulla funzione del cervello,„ ha detto. “Di conseguenza, realmente stiamo cercando un effetto puro su metabolismo.„

Con quello in mente, Zhang anticipa che lo studio, pubblicato il 4 febbraio 2009 online nella natura del giornale, potrebbe essere di grande interesse alle ditte farmaceutiche desiderose di sviluppare le nuove droghe dell'anti-obesità ha puntato su un obiettivo molecolare novello e nuovo espresso nei tessuti del non cervello.

Zhang ha detto che il suo gruppo continuerà a cercare i meccanismi più dettagliati coinvolgere in come l'enzima regolamenta i geni pertinenti e cambia nella tariffa metabolica.

“Il mio laboratorio ha un interesse a lungo termine nell'identificazione degli enzimi dimodificazione,„ ha detto Zhang. “Tre anni fa, abbiamo scoperto la famiglia di jumanji del demethylase dell'istone, che è una famiglia enorme e un grande interesse portato nel campo studiare questo gruppo di geni.„

Quell'organismo di lavoro ha contribuito significativamente ad una nuova comprensione che le mutazioni nei fattori epigenetici quali gli enzimi di demethylase dell'istone possono avere effetti fisiologici profondi. Il gruppo già aveva azzerato dentro sull'enzima di Jhdm2a, indicante 2007 in una pubblicazione della natura che il gene di Jhdm2a altamente è espresso in testicoli del mouse e svolge un ruolo importante in spermiogenesis, la tappa finale nella produzione di uno spermio funzionale. Di topo maschio con il gene tramortito erano infertili.

Che la scoperta ha fornito ai ricercatori una nuova causa potenziale per la sterilità maschio, appena poichè lo studio corrente indica che lo stesso difetto genetico piombo all'obesità sia in animali maschii che femminili, facenti il nuovo indicatore luminoso sul ruolo del epigenetics nel metabolismo di regolamentazione.

“Così questo gene ha almeno due funzioni biologiche,„ Zhang ha detto. “Uno è controllo dello spermiogenesis; l'altro è controllo di metabolismo.„

Ciò che trova necessariamente non è stata preveduta dai ricercatori. “Nessuno potrebbe predire che questo gene ha avuto questa funzione particolare nel metabolismo di regolamentazione,„ Zhang ha detto. “Gli enzimi dimodificazione realmente hanno vasto effetto - ogni gene è imballato dagli istoni. Di conseguenza quando gli istoni di modificazione, voi non possono necessariamente predire che funzione sarà commovente.„

Oltre ad essere obeso, il mouse knockout di Jhdm2a egualmente ha sviluppato altre caratteristiche relative a disordine metabolico umano, quali iperlipidemia (livelli di lipidi sollevati) e insulino-resistenza. Se i risultati del mouse saranno rispecchiati in esseri umani resta vedere. “Non sappiamo se questo gene è difettoso in alcuni dei pazienti obesi o metabolici di sindrome - quelle sono cose che devono essere studiate,„ Zhang hanno detto.

Uno delle righe di ricerca Zhang e dei suoi colleghi perseguirà deve eseguire gli esperimenti con i modelli knockout “condizionali„ del mouse, in cui il gene di interesse è eliminato dal punto di vista funzionale dai tessuti specifici, come, in questo caso, grasso di marrone o tessuto del muscolo. Secondo Zhang, “quel modo possiamo fare le domande specifiche e possiamo segnare il tessuto con esattezza specifico o la cella ci digita… poi può anche segnare il meccanismo con esattezza molecolare specifico.„