Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

È l'esomeprazolo la migliore scelta per i pazienti di esofagite di riflusso?

In pazienti con la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), l'esomeprazolo, ha dimostrato i vantaggi farmacologici e clinici oltre quelli veduti con gli altri inibitori della pompa del protone (PPIs).

Tuttavia fino ad ora completamente non è stato determinato se le differenze nell'inizio di attività antisecreatary possono pregiudicare la velocità di sollievo di sintomo con differente PPI.

Il Dott. Ri-Nan Zheng dalla Cina rivolge questo problema. Ha studiato se c'è qualunque differenza nel sollievo di sintomo in pazienti con l'esofagite di riflusso che segue l'amministrazione di quattro PPIs (omeprazole, lansoprazole, pantoprazole, esomeprazolo). Ciò sarà pubblicata il 28 febbraio 2009 nel giornale del mondo della gastroenterologia.

In questo studio, duecento e settantaquattro pazienti con l'esofagite corrosiva di riflusso sono stati ripartiti con scelta casuale per ricevere 8 settimane del omeprazole di mg 20 (N = 68), 30 mg di lansoprazole (N = 69), 40 mg di pantoprazole (N = 69), 40 mg di esomeprazolo (N = 68) una volta al giorno di mattina. I cambiamenti quotidiani nei sintomi di riflusso dell'acido e del bruciore di stomaco nei primi 7 d dell'amministrazione sono stati valutati facendo uso di un disgaggio sei punti (0: nessuno; 1: delicato; 2: delicato-moderato; 3: moderato; 4: moderato-severo; 5: severo).

Ha trovato che il punteggio medio del bruciore di stomaco in pazienti ha trattato con l'esomeprazolo in diminuzione più rapido che quelli che ricevono l'altro PPI. La risoluzione completa di bruciore di stomaco era egualmente più rapida in pazienti curati con l'esomeprazolo per 5 d rispetto al omeprazole (P = 0,0018, P = 0,0098, P = 0,0027, P = 0,0137, P = 0,0069, rispettivamente), al lansoprazole (P = 0,0020, P = 0,0046, P = 0,0037, P = 0,0016, P = 0,0076, rispettivamente) e al pantoprazole (P = 0,0006, P = 0,0005, P = 0,0009, P = 0,0031, P = 0,0119, rispettivamente). Non c'erano differenze significative fra i quattro gruppi nella tariffa di guarigione endoscopica dell'esofagite di riflusso alla settimana 8.

I risultati hanno indicato che l'esomeprazolo può essere più efficace del omeprazole, del lansoprazole e del pantoprazole per il sollievo rapido dei sintomi del bruciore di stomaco e dei sintomi acidi di riflusso in pazienti con l'esofagite di riflusso.