Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I video giochi di atto migliorano la visione nell'ambiente

I video giochi che comprendono gli alti livelli di atto, quali i giochi dello sparatutto in prima persona, aumentano la visione nell'ambiente di un giocatore, secondo la ricerca in odierna neuroscienza della natura.

La capacità di discernere le leggere differenze in tonalità di gray lungamente è stata probabilmente un attributo del sistema visivo umano che non può essere migliorato. Ma Daphne Bavelier, professore del cervello e delle scienze cognitive all'università di Rochester, ha scoperto che i gamers molto praticati di atto diventano 58 per cento migliori a percepire le differenze fini al contrario.

“Normalmente, migliorare la sensibilità di contrasto significa ottenere i vetri o chirurgia-in qualche modo dell'occhio che cambia l'ottica dell'occhio,„ dice Bavelier. “Ma abbiamo trovato che i video giochi di atto preparano il cervello per elaborare più efficientemente le informazioni visive attuali ed i miglioramenti durano i mesi dopo il gioco del gioco interrotto.„

Le configurazioni d'individuazione sull'esperienza di Bavelier funzionano che ha indicato che i video giochi di atto fanno diminuire la rappresentazione che ammucchia ed aumenta l'attenzione visiva. Contrapponga la sensibilità, dice, è il fattore limitante primario in come una persona può vedere. Bavelier dice che i risultati indicano che l'addestramento del video gioco di atto può essere un complemento utile alle tecniche di occhio-correzione, poiché l'addestramento del gioco può insegnare alla corteccia visiva per fare il migliore uso delle informazioni riceve.

Per imparare se i giochi di alto-atto potrebbero pregiudicare la sensibilità di contrasto, Bavelier, in collaborazione con il dottorando Renjie Li ed i colleghi Walt Makous, professore del cervello e delle scienze cognitive all'università di Rochester e Uri Polat, professore all'istituto dell'occhio all'università di Tel Aviv, ha verificato la funzione della sensibilità di contrasto di 22 studenti, quindi li ha divisi in due gruppi: Un gruppo ha giocato video giochi pienamente i visivi di atto “Unreal Tournament 2004„ e “la chiamata dell'imposta 2." il secondo gruppo ha giocato “il Sims 2,„ che è un gioco, ma non comprende il livello di coordinamento visivo motorio dei giochi dell'altro gruppo. I volontari hanno giocato 50 ore dei loro giochi definiti nel corso di 9 settimane. Alla conclusione dell'addestramento, gli studenti che hanno giocato i giochi di atto hanno mostrato un miglioramento essere in media di 43% nella loro capacità di discernere le tonalità vicine della grigio-fine alla differenza che precedentemente aveva osservato fra i giocatori del gioco e la non cacciagione giocatore-mentre i giocatori di Sims non ne hanno mostrato.

“Al meglio della nostra conoscenza, questa è la prima dimostrazione che contrappone la sensibilità può essere migliorato da addestramento semplice,„ dice Bavelier. “Quando la gente gioca i giochi di atto, stanno cambiando la via del cervello responsabile di trattamento visivo. Questi giochi spingono il sistema visivo umano nei limiti ed il cervello si adatta a ed abbiamo veduto che l'effetto positivo rimane anche due anni dopo che l'addestramento era più.„

Bavelier dice che i risultati suggeriscono che malgrado le molte preoccupazioni circa gli effetti dei video giochi di atto ed il tempo passato davanti ad uno schermo di computer, quel volta non possa necessariamente essere nocivo, almeno per la visione.

Bavelier ora sta catturando che cosa ha imparato con la sua ricerca del video gioco e la collaborazione con un consorzio dei ricercatori per esaminare i trattamenti per ambliopia, un problema causato dalla trasmissione difficile dell'immagine visiva al cervello.