Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuova comprensione su come il probiotics può impedire la malattia

Facendo uso del probiotics contro una serie di malattie animali ha aiutato con successo gli scienziati dal sughero dell'università, Irlanda a capire alcuni dei modi in cui funzionano, in grado di piombo a loro facendo uso del probiotics per impedire e perfino per trattare le malattie umane.

Presentando il lavoro alla società per la riunione generale di microbiologia in Harrogate oggi (giovedì 2 aprile), Dott. Colin Hill descritta come il suo gruppo aveva usato tre modelli animali della malattia che hanno controparti umane - mastite bovina, salmonellosi porcina (una malattia gastrointestinale) e listeriosi in mouse (un modulo spesso interno di intossicazione alimentare) - per dimostrare gli effetti protettivi del probiotics.

“Piuttosto del probiotics disponibile nel commercio, noi ha fatto i nostri propri preparati probiotici che contengono i batteri sicuri quali le specie del lattobacillo recentemente isolati dai volontari umani„ ha detto il Dott. Hill, “in tutte e tre le malattie animali abbiamo osservato un effetto positivo in quanto gli animali erano significativamente protetti contro l'infezione„.

Il gruppo egualmente ha usato il probiotics per gestire la malattia in animali che già sono stati infettati. I risultati di queste prove sono risultato che quello amministrare questi batteri sicuri ad un animale infettato era efficace quanto le migliori terapie antibiotiche disponibili nell'eliminazione dell'agente infettante e nella risoluzione dei sintomi.

In ogni istanza la protezione è stata collegata all'specie batteriche particolari ed il meccanismo di atto ha variato dall'antagonismo diretto (dove il probiotico direttamente uccide i batteri patogeni) agli effetti mediati dal sistema immunitario ospite. Per esempio mouse protetti di salivarius UCC118 del lattobacillo contro listeriosi (una malattia che può pregiudicare le donne incinte) producendo un peptide antimicrobico che elimina i monocytogenes di listeria nell'intestino dell'animale. In un altro meccanismo, il del latte di Lactococcus potrebbe essere usato per trattare la mastite suscitando una risposta immunitaria che ha sopraffatto il batterio contagioso.

Il Dott. Hill aggiunta, “è probabile che usando il probiotics piuttosto che gli antibiotici farà appello a alle persone a rischio poiché sono sicuri, non invadente, non creano i batteri resistenti e possono anche essere amministrato sotto forma di alimenti o di bevande saporiti„.

“Abbiamo indicato che possiamo proteggere e perfino trattare gli animali contro i batteri patogeni presentando i batteri inoffensivi al sito dell'infezione,„ abbiamo detto il Dott. Hill. “per utilizzare le simili strategie nell'impedire o nel trattamento della malattia umana dobbiamo capire la base molecolare della loro efficacia. Questa comprensione fornirà la base per selezione e la selezione intelligenti delle culture batteriche protettive più appropriate per entrare in avanti in prove umane„.