Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Ricercatori approfondiscono il trattamento di generazione del globulo

Queste nuove comprensioni rappresentano un contributo importante agli approcci terapeutici clinici futuri.

Lo studio è stato pubblicato nella Natura prestigiosa del giornale di scienza e sarà un argomento centrale del congresso internazionale sui meccanismi molecolari di ematopoiesi, che avranno luogo a Monaco Di Baviera dal 2 al 4 aprile.

I risultati sui meccanismi molecolari di formazione di sangue (ematopoiesi) saranno presentati dal 2 al 4 aprile a Monaco Di Baviera al congresso internazionale “Meccanismi Molecolari di Ematopoiesi Normale e Maligna„. Una domanda che ha imbarazzato i ricercatori per le decadi potrebbe ora essere risolta: Come i primi globuli sono generati nell'embrione? In particolare, il Dott. Timm Schroeder, la guida del gruppo di ricerca all'Istituto della Ricerca della Cellula Staminale di Helmholtz Zentrum Muenchen ed il suo gruppo hanno scoperto che un tipo speciale di celle endoteliali esiste che possono trasformarsi nei globuli. Le celle Endoteliali allineano la superficie interna dei vasi sanguigni.

Il Dott. Timm Schroeder ha spiegato: “È estremamente difficile da studiare il trattamento di generazione del globulo. Accade soltanto molto brevemente, nascosto dalla visualizzazione nell'embrione all'interno dell'utero della madre.„

Gli scienziati in primo luogo hanno dovuto creare i mezzi tecnici per osservare continuamente il trattamento di trasformazione delle celle endoteliali nei globuli al livello unicellulare su un periodo più lungo. Il Dott. Schroeder ed i suoi colleghi ha sviluppato le tecniche bioimaging del romanzo con cui il comportamento di tantissime diverse celle può essere registrato e tenuto la carreggiata. Hanno combinato la microscopia, incubazione e tecnologia dell'immagine come pure programmi ottimizzati del romanzo per tenere la carreggiata le diverse celle in video al rallentatore con le tecniche specializzate di depurazione e della coltura cellulare delle cellule. Quindi, gli scienziati potrebbero osservare il comportamento di molte celle mesodermal di differenziazione durante fino a una settimana.

Con attenzione analizzando migliaia di celle e delle molecole espresse da loro, lo studente Hanna Eilken del Dott. Schroeder e di PhD poteva individuare parecchie celle endoteliali molto rare che effettivamente si sono trasformate nei globuli.

“Come punto seguente, metteremo a fuoco sull'identificazione delle molecole che regolamentano la specifica dei globuli,„ il Dott. Schroeder abbiamo continuato a dire. “Infine, il nostro obiettivo è di capire i meccanismi molecolari precisi. L'Identificazione del tipo esatto delle cellule che genera i globuli è un requisito indispensabile importante per la comprensione che combinazione di molecole rende ad una cella un globulo.„

Oltre a dare più visione dei meccanismi di formazione di sangue, i risultati di questo studio appena pubblicato sono importanti per il miglioramento della produzione dei globuli nel laboratorio per le terapie cliniche. Una produzione in vitro possibile dei numeri illimitati dei globuli dalle cellule staminali embrionali tiene la grande promessa per i nuovi approcci di terapia. Tuttavia, per permettere a mirato a, produzione efficiente e pura dei globuli specifici che sono sicuri per la terapia clinica, è essenziale per capire precisamente i punti necessari di differenziazione. Il Dott. Schroeder ha concluso: “Il Nostro studio ora ha delucidato l'ultimo di questi punti.„

Diretto dal Professor Magdalena Götz, l'Istituto della Ricerca della Cellula Staminale a Helmholtz Zentrum München combina la ricerca sulle cellule staminali del sistema nervoso, il sistema ematopoietico e dell'ipoblasto. Particolarmente in considerazione delle applicazioni cliniche, l'obiettivo dell'Istituto è di delucidare i meccanismi di fondo per la specifica delle cellule staminali per utilizzare questi in un modo mirato a per riparare le cellule danneggiate.

http://www.gsf.de/