Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La combinazione di temsirolimus e di bryostatin sembra sicura e attiva nel cancro metastatico del rene

Il Fox insegue il Cancro che i ricercatori concentrare riferiscono che un blocco della due-droga della segnalazione del mTOR sembra sicuro nel cancro metastatico del rene in una prova di fase I. I dati iniziali suggeriscono che una combinazione di temsirolimus e di bryostatin possa essere attiva in pazienti con i moduli rari del cancro renale delle cellule, che sono meno probabili rispondere ad altre terapie mirate a.

Elizabeth Plimack, M.D., M.S., un oncologo medico e medico di partecipazione all'inseguimento di Fox riferirà i risultati di prova domenica 31 maggio alla riunione annuale della società americana dell'oncologia clinica.

“Certamente abbiamo veduto le risposte continue con questa combinazione che sono incoraggianti,„ Plimack diciamo.

Uno dei pazienti con una risposta estesa ha cancro renale papillare delle cellule, che è un modulo raro della malattia che non reagisce bene alle terapie standard. “I pazienti con il cancro renale delle cellule delle non chiare cellule, compreso cancro renale papillare, non rispondono pure agli inibitori della chinasi della tirosina, quali sunitinib e sorafenib, come pazienti con la cella renale delle chiare cellule. Così c'è un'esigenza insoddisfatta della terapia per questi pazienti. Abbiamo veduto che questa combinazione può essere attiva ad un certo grado per loro.„

la segnalazione del mTOR promuove lo sviluppo di proliferazione delle cellule del tumore e del vaso sanguigno. Temsirolimus (Torisel), blocchi che segnalano attraverso una parte della segnalazione del mTOR complessa, ha chiamato TORC1 e rallenta la progressione del tumore in pazienti con il cancro avanzato del rene. Tuttavia, una seconda parte del complesso, chiamata TORC2, è inalterata dal temsirolimus e continua a promuovere la proliferazione delle cellule. Di conseguenza, Plimack ed i colleghi sospettano che bloccare l'attività di segnalazione TORC2 potrebbe migliorare i risultati pazienti. Bryostatin blocca un effettore a valle di TORC2, chiamato chinasi proteica C.

Plimack ed i colleghi hanno progettato la prova di fase I per verificare la sicurezza della combinazione di bryostatin-temsirolimus. Venticinque pazienti si sono iscritti alla prova, compreso 20 pazienti con cancro del rene. La prova di fase I ha verificato una combinazione di settimanale di bryostatin 20 micrograms/m2 più uno di seguente mg delle dosi di temsirolimus 10, 15, 25, o 37,5, ogni 28 giorni.

La combinazione sembra essere tollerata bene nei pazienti renali delle cellule. Due pazienti hanno sviluppato la dose che limita le tossicità (una con tossicità renale ed una con neutropenia) all'più alta dose di temsirolimus. L'iscrizione ora sta continuando con i pazienti che ricevono il temsirolimus di mg 25. (Due dei malati di cancro non renali delle cellule sviluppati dose-limitando le tossicità presto nella prova, dopo di che indicano l'iscrizione limitata ricercatori i pazienti che non avevano ricevuto la chemioterapia priore.)

Le risposte iniziali nei malati di cancro renali delle cellule stanno promettendo, secondo Plimack. Tre pazienti hanno avuti risposte parziali durevoli alla terapia. Due di quelle persone sono fuori dalla terapia ed hanno risposte parziali continuare agli anni 3+ ed ai mesi 12+ e un terzo paziente continua sulla terapia con una risposta parziale che estende oltre 22 mesi.

L'iscrizione nella prova è in corso ed i dati completi saranno forniti alla riunione.