La scoperta di nuovo arenavirus si è associata con febbre emorragica - in primo luogo identificata in quasi quattro decadi

Gli scienziati al banco del postino dell'università di Columbia della salute pubblica, all'istituto nazionale sudafricano per le malattie infettive di servizio di laboratorio nazionale di salubrità (NICD-NHLS), al centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti e ad una società per azioni di 454 scienze biologiche di Roche hanno scoperto il nuovo virus responsabile di uno scoppio altamente interno di febbre emorragica nello Zambia e nel Sudafrica alla fine del 2008.

È il primo nuovo arenavirus febbre-associato emorragico dall'Africa ha identificato in quasi quattro decadi. Un'analisi genetica dettagliata di questo arenavirus novello, nominata virus di Lujo, dopo i siti dello scoppio (Lusaka, Zambia e Johannesburg, Sudafrica) è pubblicata online negli agenti patogeni di PLoS.

L'arenavirus precedentemente sconosciuto, che è stato identificato facendo uso degli estratti genetici di sangue e di fegato dalle vittime e con alto-capacità di lavorazione imparziale che ordina, distante è collegato con il virus di Lassa ed il virus linfocitario di choriomeningitis (LCMV). La caratterizzazione del virus novello conferma l'utilità di alto-capacità di lavorazione imparziale che ordina per la scoperta dell'agente patogeno e fornisce una cianografia affinchè gli sforzi di salute pubblica ponga freno rapidamente gli scoppi virali emergenti non identificati di malattia in futuro. Egualmente permetterà allo sviluppo delle prove specifiche di diagnosticare l'infezione, determinare l'origine del virus e di sviluppare le droghe ed i vaccini per trattare e di impedire la malattia.

A settembre e ottobre 2008, cinque casi di febbre emorragica undiagnosed sono stati riconosciuti nel Sudafrica dopo che trasferimento dell'aria di una persona criticamente malata dallo Zambia. La malattia era interna in quattro dei cinque casi, compreso la persona originalmente infettata, il paramedico che ha assistito al paziente durante il trasferimento dell'aria, l'infermiere che hanno assistito al paziente nell'unità di cure intensive ed il membro dello staff ospedaliero che ha pulito la stanza dopo la morte del paziente. Il quinto caso, un infermiere che ha assistito al paramedico, l'un giorno prima che le procedure di professione d'infermiera della barriera siano applicate, trattamento antivirale ricevuto e recuperato.

“In 72 ore abbiamo identificato il virus novello facendo uso di alto-capacità di lavorazione che ordina,„ Thomas indicato Briese, PhD, professore associato di epidemiologia clinica e direttore associato del centro per l'infezione e l'immunità (CII) al banco del postino di Columbia University della salute pubblica.

“Sta rassicurando che ora facciamo essere necessari gli strumenti per individuare e rispondere rapido alle sfide degli agenti patogeni sconosciuti. Una sfida chiave che rimane è distribuzione di queste tecnologie “alle aree sensibili in cui i nuovi virus di uccisore emergono frequentemente. Rimaniamo impegnati in questo sforzo importante di salute pubblica mentre rappresenta un'opportunità unica di impedire la pandemia seguente, sia una minaccia come il HIV o il SAR,„ ha detto Ian Lipkin, MD, professore di John Snow dell'epidemiologia e professore della neurologia e della patologia alla Columbia University e Direttore del CII.

“La riuscita collaborazione internazionale durante questo scoppio altamente interno ha evidenziato l'importanza della cooperazione globale nella risposta di scoppio agli agenti patogeni emergenti ed altamente pericolosi„, a Janusz indicato Paweska, a DVSc, alla testa dell'unità speciale degli agenti patogeni di NICD-NHLS, a professore straordinario all'università di Pretoria ed al vice direttore del centro africano del sud per sorveglianza della malattia infettiva. “Questa collaborazione di sud-Nord ha creato un'associazione potente di eccellenza scientifica, con conseguente caratterizzazione genetica completa rapida e completa di nuovo virus„.

“454-sequencing permette ai ricercatori di identificare rapidamente gli organismi presenti in un campione complesso senza tutta la conoscenza o tendenziosità priore,„ Michael spiegato Egholm, ufficiale della tecnologia del capo e del co-author e vicepresidente di ricerca e sviluppo a 454 scienze biologiche. “Il nostro lavoro con Lipkin ed i colleghi nello sviluppare un approccio completo a rilevazione dell'agente patogeno ha portato i suoi frutti nella risoluzione degli una serie di scoppi recenti di malattia e conferma che sarà uno strumento critico per la salute pubblica. Siamo stati onorati in questo esempio più recente per lavorare con i ricercatori eccezionali al centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti, l'istituto nazionale per le malattie infettive, il Sudafrica, il CII e l'organizzazione mondiale della sanità.„