Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'immunoterapia del Cancro può usare un piccolo numero di celle immuni del tipo di gambo del `' per distruggere i grandi tumori in mouse

Un nuovo approccio a stimolare le celle immuni migliora la loro attività anticancro, con conseguente risposta antitumorale potente in mouse, secondo uno studio dai ricercatori all'istituto nazionale contro il cancro, una parte degli istituti della sanità nazionali. Questo lavoro rappresenta un avanzamento importante nello sviluppo di immunoterapia per cancro e compare 14 giugno 2009 online nella medicina della natura.

I ricercatori hanno trovato che un sottoinsieme delle celle immuni, linfociti T chiamati cellule staminali di memoria di CD8+, era capace di mediazione della risposta immunitaria antitumorale forte. Queste celle potenti sono state generate in laboratorio stimolando le celle di T antitumorali in presenza delle droghe destinate per imitare una via importante di segnalazione chiamata Wnt, che descrive una rete complessa delle proteine di cui le interazioni sono essenziali durante la manutenzione della cellula staminale e dello sviluppo. Sotto l'influenza di Wnt, i linfociti T hanno acceduto alle proprietà del tipo di cella del gambo del rinnovo di auto e di multipotency; cioè hanno generato la differenziazione delle cellule figlie mentre si rigeneravano una volta trasferiti di nuovo ai mouse dal laboratorio. Questi staccano le qualità dal gambo del tipo di cella hanno permesso ai numeri minuscoli delle celle di T (circa 40.000 celle) di avviare la distruzione di grandi tumori del melanoma (che contengono circa un miliardo celle maligne).

Questa terapia, in cui i mouse hanno ricevuto le cellule staminali di memoria di CD8+ T insieme ad un vaccino del tumore e ad uno stimolante del sistema immunitario conosciuti come l'interleuchina 2, ha migliorato la sopravvivenza dei mouse trattati rispetto al simile trattamento facendo uso di altri tipi di celle di T di memoria.

“Questa nuova categoria di linfociti è superiore alle celle di T utilizzate negli esperimenti più iniziali perché hanno la capacità migliorata di rinnovarsi, proliferare, differenziare ed infine uccidere le celle del tumore,„ ha detto l'autore principale Nicholas P. Restifo, M.D., un ricercatore di NSC nel ramo della chirurgia al centro per ricerca sul cancro.

Le immunoterapie cliniche correnti basate sul trasferimento delle celle di T tumore-specifiche generate ed ampliate in laboratorio contano sull'uso di tantissime celle di T tumore-specifiche ed hanno avute successo utile ma a volte limitato.

Se confermato in esseri umani, l'uso delle cellule staminali di memoria tumore-reattive di CD8+ potrebbe diminuire i numeri delle celle di T tumore-specifiche state necessarie per riuscita immunoterapia, così rendendo questo tipo della terapia più facile svilupparsi in modo che più pazienti potessero avvantaggiarsi.

Questi risultati tracciano l'ultimo avanzamento nel campo di immunoterapia del cancro facendo uso delle celle di T tumore-specifiche, che sta muovendosi da proof of concept verso un trattamento di promessa per i pazienti con cancro metastatico.

La ricerca piombo da Luca Gattinoni, M.D. e Nicholas P. Restifo, M.D., NSC.

Per ulteriori informazioni sulla ricerca del Dott. Gattinoni, vada prego a http://ccr.cancer.gov/staff/staff.asp?profileid=7289. Per ulteriori informazioni sulla ricerca del Dott. Restifo, vada prego a http://ccr.cancer.gov/staff/staff.asp?profileid=5762.

Il NSC piombo il programma nazionale del Cancro e lo sforzo di NIH per diminuire drammaticamente il carico di cancro e migliorare le vite dei malati di cancro e le loro famiglie, con ricerca su biologia del cancro e di prevenzione, lo sviluppo di nuovi interventi e l'addestramento e la guida di nuovi ricercatori. Per ulteriori informazioni su cancro, visualizzi prego il sito Web di NSC a http://www.cancer.gov o chiami il servizio d'informazione del Cancro del NSC a 1-800-4-CANCER (1-800-422-6237).

http://www.nih.gov