Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Acido glutammico collegato per abbassare pressione sanguigna

L'acido glutammico può essere una delle componenti responsabili delle pressioni sanguigne più basse della gente con delle le diete ricche di verdura, secondo uno studio pubblicato oggi nella circolazione: Giornale dell'associazione americana del cuore. L'acido glutammico è una componente importante di proteina; la proteina vegetale contiene i livelli elevati di acido glutammico che la proteina animale.

La ricerca precedente dagli autori, dall'istituto universitario imperiale Londra e dalla Northwestern University, Chicago, in collaborazione con altre istituzioni negli Stati Uniti, il Giappone e la Cina, ha indicato che la gente con più proteina vegetale nella loro dieta tende ad avere pressione sanguigna più bassa. La nuova ricerca suggerisce che l'acido glutammico possa essere una delle componenti di proteina vegetale collegate per abbassare la pressione sanguigna.

I ricercatori hanno osservato i dati di pressione sanguigna e di dieta da 4,000 persone eccessive. Hanno analizzato la quantità di cinque amminoacidi nelle diete della gente ed hanno trovato quello, in media, la gente che consuma l'acido più glutammico ha pressione sanguigna più bassa che coloro che consuma di meno.

Il Dott. Ian Brown, co-author dello studio dal ministero dell'epidemiologia e della salute pubblica all'istituto universitario imperiale Londra, ha detto: “Dopo che abbiamo osservato che la proteina vegetale nella dieta è stata collegata per abbassare la pressione sanguigna, abbiamo voluto conoscere che elementi di proteina vegetale potrebbero essere responsabili. La nostra nuova ricerca suggerisce che l'acido glutammico possa spiegare parzialmente il collegamento fra proteina vegetale ed abbassare la pressione sanguigna.„

“I punti seguenti saranno di riprodurre questo che trova in altri studi e studiano come l'acido glutammico potrebbe esercitare un effetto su pressione sanguigna. Tuttavia, non c'è “richiamo magico„ per impedire l'ipertensione e l'acido glutammico e del proteina vegetale è diversi elementi di più vasto reticolo sano del cibo,„ Dott. aggiunto Brown.

Il nuovo studio è in conformità con i risultati dalla dieta del UN POCO, sviluppata dagli istituti degli Stati Uniti della sanità nazionali e raccomandata dall'associazione americana del cuore. Risultato abbassare la pressione sanguigna, la dieta è ricca in frutta, verdure e prodotti lattier-caseario a bassa percentuale di grassi come pure interi granuli, pollame magro, le noci ed i fagioli - molte di cui sono naturalmente alti in acido glutammico.

I ricercatori hanno analizzato i dati da 4,680 persone hanno invecchiato 40-59, dal Regno Unito, da U.S.A., dal Giappone e dalla Cina. I partecipanti sono stati coinvolgere nello studio per intorno tre settimane, fra 10 e 13 anni fa. Durante la loro prima visita alla clinica, i partecipanti hanno completato un questionario e un'intervista accurati circa la loro ingestione di cibo quotidiana, hanno dato un campione di urina ed hanno fatti la loro catturare pressione sanguigna. I partecipanti hanno ritornato alla clinica il giorno successivo per una seconda lettura del questionario, di intervista e di pressione sanguigna. Questo trattamento è stato ripetuto più successivamente due - tre settimane.

Gli scienziati hanno calcolato la quantità di cinque amminoacidi differenti nelle diete dei partecipanti ed hanno correlato i livelli dell'amminoacido con pressione sanguigna. La gente con una proporzione elevata di acido glutammico nella proteina che hanno consumato (4,7%), hanno avute, in media, pressione sanguigna sistolica più bassa (da 1.5-3.0mmHg) ed abbassa la pressione sanguigna diastolica (da 1.0-1.6mmHg).

Il professor Paul Elliott, uno degli autori dello studio dal ministero dell'epidemiologia e della salute pubblica all'istituto universitario imperiale Londra, ha detto: “Una persona con ipertensione potrebbe avere una lettura di 140mmHg, in modo da inizialmente avvisti queste differenze non assomigliano a molto. Tuttavia, da una prospettiva della popolazione questo proviene importante. L'ipertensione è un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare, in modo da se possiamo diminuire la pressione sanguigna della popolazione appena da 1-2mmHg, potremmo diminuire il rischio globale di malattia di cuore.„

“Molti fattori dietetici possono avere leggeri effetti su pressione sanguigna. In associazione, questi effetti possono diventare clinicamente pertinenti. Speriamo che la nostra ricerca contribuisca a sviluppare le diete ed il consiglio ottimali per impedire e gestire l'ipertensione e che diminuiamo il carico della malattia cardiovascolare,„ il professor aggiunto Elliott.

Questa ricerca è stata costituita un fondo per vicino: il cuore degli Stati Uniti, il polmone e l'istituto nazionali di sangue, istituti della sanità nazionali; gli istituti nazionali delle autorità sanitarie sui supplementi dietetici; ed agenzie nazionali in Cina, nel Giappone e nel Regno Unito.