Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricchi di Dieta nelle guide del pesce impediscono la demenza

Secondo gli esperti oltre 24 milione di persone universalmente sono pensati per soffrire da demenza e molte di questa gente vivono in paesi bassi e con reddito medio.

Con le popolazioni di invecchiamento intorno al mondo che aumenta, molti sistemi di salubrità stanno rientrando in pressione germogliante e c'è stato di conseguenza più interesse dentro se i fattori dietetici, specialmente pesce e carne oleosi, potrebbero influenzare l'inizio e/o la severità di demenza.

Una Certa ricerca ha suggerito che oleoso peschi che è ricca in acidi grassi poli-insaturi a catena lunga omega-3, positivamente fossero collegati con la funzione conoscitiva nella vita più tarda ed egualmente è stato suggerito che il consumo aumentato della carne potesse essere collegato con il declino conoscitivo.

Per esaminare queste teorie, un gruppo di ricercatori internazionali ha intrapreso gli studi di 14,960 persone sopra l'età di 65 nel mezzo 7 ai paesi a basso reddito.

I partecipanti che vivono in Cina, in India, Cuba, la Repubblica Dominicana, nel Venezuela, nel Messico e nel Perù hanno fornito i dati sulle loro diete mediante le interviste faccia a faccia e la demenza è stata diagnosticata usando convalidato i criteri culturalmente ed educativamente equi.

I ricercatori hanno trovato che in ogni paese eccezione fatta per l'India, c'era un'associazione inversa fra il consumo di pesce e la prevalenza di demenza ed i risultati supportano le conclusioni precedenti dai paesi industrializzati che il consumo di pesce aumentato è associato con prevalenza più bassa di demenza nella vita più tarda.

Gli autori suggeriscono che questa relazione non sia dovuto stato nutrizionale globale difficile in quelle con demenza, perché il consumo della carne ha teso ad essere più alto in questo gruppo e dicono che la relazione fra il consumo della carne e la demenza rimane poco chiara.

Potete leggere i risultati del loro studio nell'edizione Dell'agosto 2009 del Giornale Americano di Nutrizione Clinica.