Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Espressione genica Distintiva in cervelli dei ratti eroina-dipendenti di ricaduta

Un gruppo di geni di cui l'espressione è alterata significativamente dopo l'esposizione all'armamentario della droga dopo che un periodo applicato “della disintossicazione spontanea„ è stato identificato. I Ricercatori che scrivono in Neuroscienza del giornale BMC di accesso aperto hanno studiato l'espressione genica nei cervelli dei ratti eroina-dipendenti, identificanti quei geni che possono partecipare a precipitare una ricaduta.

Kara Kuntz-Melcavage, dall'Istituto Universitario di Pennsylvania State University di Medicina, U.S.A., fa parte di un gruppo dei ricercatori che hanno effettuato gli esperimenti. Ha detto, “Una serie di studi di espressione genica hanno studiato i cambiamenti indotti tramite l'esposizione della droga, ma pochi rapporti descrivono i cambiamenti connessi con lo stato che mentale quello piombo per ricadere. Abbiamo identificato 66 geni coinvolgere nella risposta di ricaduta, compreso alcuno che fosse importante per il neuroplasticity e con quel ruolo può urtare l'apprendimento ed il comportamento„.

Kuntz-Melcavage ed i suoi colleghi hanno fissato i ratti ad un'offerta della droga che per 3 ore ogni giorno ha consegnato l'eroina nei loro filoni giugulari quando hanno leccato un becco vuoto particolare. Su un periodo di due settimane, questi animali erano liberi auto-di amministrare l'eroina, mentre i ratti di controllo a cui sono stati collegati hanno ricevuto salino invece. Un gruppo di ratti dipendenti ed i loro partner non dipendenti aggiogati poi sono stati tenuti senza eroina per due settimane prima dell'ri-esposizione al becco, che più non ha reso le infusioni della droga. Dopo 90 minuti in questo ambiente stupefacente-associato, durante cui i ratti dipendenti restituiti compulsively per leccare il becco vuoto ingrato, essi ed i loro compagni aggiogati di controllo sono stati uccisi umanamente e espressione genica nei loro cervelli è stato studiato. Paragonando l'espressione genica negli animali alla ricerca di droga a quella in un secondo gruppo di ratti dipendenti ri-esposti all'ambiente narcotico dopo il soltanto un giorno di astinenza ed ai comandi salino-aggiogati, i ricercatori potevano identificare i geni coinvolgere nel comportamento di ricaduta. Secondo Kuntz-Melcavage, “La sessione con il becco inattivo è servito non solo a fornire un'opportunità di osservare il comportamento alla ricerca di droga, ma egualmente ha imitato una situazione in vivo in cui le indicazioni ambientali precipitano il comportamento di ricaduta dopo un periodo esteso di astinenza„.

Parlando dei risultati dello studio, Kuntz-Melcavage ha detto, “Come i dati si accumulano, l'esistenza di singolo “gene di ricaduta„ sta guardando sempre più improbabile - è probabile essere una costellazione dei geni differenti. Di Conseguenza, le visualizzazioni della larga scala di espressione genica, come questa, risulteranno molto utile per la guida della ricerca sul comportamento droga associato umano„.

1. L'Espressione genica cambia la seguente prova dell'estinzione in un modello comportamentistico di incubazione dell'eroina
Kara L Kuntz-Melcavage, Robert M. Brucklacher, Patricia S Grigson, Willard M. Freeman e Risonanza E Vrana
Neuroscienza di BMC (in stampa)