Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il Corticosteroide e la combinazione antivirale dell'agente risulta essere utili per il trattamento della Paralisi di Bell

Fra i pazienti con Paralisi di Bell, una paralisi facciale con causa sconosciuta, il trattamento con i corticosteroidi è associata con un rischio diminuito di ripristino insoddisfacente ed il trattamento con una combinazione di corticosteroidi e di agenti antivirali può essere associato con l'assegno complementare, secondo un esame e una meta-analisi sistematici degli studi precedentemente pubblicati, riferiti nell'emissione del 2 settembre del JAMA.

Nelle informazioni di base fornite dagli autori, notano che la Paralisi di Bell “è una debolezza o una paralisi acuta del nervo facciale,„ ed hanno un'incidenza annuale di 20 - 30 per popolazione 100.000. “Mentre 71 per cento dei pazienti non trattati completamente recupererà e 84 per cento avranno ripristino completo o quasi normale, il resto avrà persistente da moderare alla debolezza severa, alla contrattura facciale, o allo synkinesis [movimento involontario].„ Gli autori spiegano che cause probabili di un'infezione di herpes il disordine. I campioni del DNA dai pazienti hanno reso il tipo 1 del virus Herpes simplex (HSV-1). La riattivazione del virus di zoster (VZV) del Varicella egualmente è associata con Paralisi di Bell.

John R. de Almeida, M.D., dall'Ospedale di Sunnybrook e l'Università di Toronto, il Canada e colleghi ha condotto una ricerca della letteratura medica per le prove controllate ripartite con scelta casuale che paragonano il trattamento ai corticosteroidi o agenti antivirali ad un controllo che misura il ripristino facciale insoddisfacente (quattro mesi o più), ripristino a breve termine insoddisfacente (sei settimane a meno di quattro mesi), synkinesis e disfunzione autonoma, o effetti contrari. Gli autori hanno identificato 854 studi, di cui 18 erano ammissibili per l'inclusione per la valutazione. I 18 studi hanno incluso 2.786 pazienti e sono stati condotti in 12 paesi e cinque continenti.

“… la prova di alta qualità suggerisce che i corticosteroidi da solo diminuiscano il rischio di ripristino insoddisfacente da 9 per cento nei termini assoluti, con un NNTB (numero dei pazienti stati necessari per trattare affinchè un paziente avvertano vantaggio) di 11,„ il rapporto degli autori. “La terapia del Corticosteroide combinata con gli agenti antivirali ha diminuito il rischio di ripristino insoddisfacente rispetto agli agenti antivirali soli. I Corticosteroidi egualmente sono stati associati con una riduzione assoluta di rischio di 14 per cento dello synkinesis e della disfunzione autonoma (NNTB, 7; qualità moderata di prova). I Corticosteroidi non sono stati associati con un rischio aumentato di effetti contrari.„

“I Nostri risultati indicano un vantaggio incrementale possibile degli agenti antivirali oltre ai corticosteroidi, con una riduzione assoluta di rischio di 5 per cento rispetto ai corticosteroidi soli. Questo effetto, tuttavia, non è definitivo ed abbastanza non ha raggiunto il significato statistico,„ gli autori scrive. “Gli studi Più Ulteriormente primari sono necessari definitivo stabilire - o confutare - un vantaggio incrementale della terapia combinata rispetto alla mono terapia del corticosteroide,„ gli autori concludono.

www.jamamedia.org