Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Avastin aumenta i tassi di sopravvivenza in pazienti influenzati glioblastoma ricorrente

La terapia mirata a Avastin, da solo e congiuntamente alla droga CPT-11 di chemioterapia, ai tassi di risposta significativamente aumentati, ai tempi di sopravvivenza senza progressione ed ai tassi di sopravvivenza in pazienti con un modulo micidiale di tumore al cervello che era ricorso.

I pazienti con il glioblastoma ricorrente hanno una prognosi torva ed i trattamenti convenzionali sono stati limitati tipicamente alle chemioterapie in gran parte inefficaci ed altamente tossiche. Soltanto circa 5 per cento dei pazienti reagiscono ad ulteriore trattamento - significando i loro tumori restringa da 50 per cento o di più. Ed i soltanto 15 - 20 per cento dei pazienti lo fanno al segno di sei mesi prima che la loro malattia progredisca ancora. La sopravvivenza è limitata a sei - sette mesi.

Ma uno studio ripartito con scelta casuale di fase II di Avastin da solo e Avastin dato con CPT-11 hanno migliorato quegli statistiche, tassi di risposta drammaticamente aumentanti, tempi di sopravvivenza senza progressione e sopravvivenza globale. I risultati iniziali dallo studio hanno spinto gli Stati Uniti Food and Drug Administration ad acconsentiree ad un'approvazione accelerata di Avastin nel maggio 2009 per uso in pazienti con i glioblastomas ricorrenti, hanno detto il Dott. Timothy Cloughesy, Direttore del programma dell'Neuro-Oncologia al centro completo del Cancro del Jonsson del UCLA ed all'autore senior dello studio. Il programma permette l'approvazione provvisoria delle medicine per cancro o altre malattie pericolose.

Gli studi, intrapresi a 11 centro attraverso la contea, sono stati pubblicati questa settimana nella versione online iniziale del giornale dell'oncologia clinica.

“Questa è un'innovazione enorme per noi. Durante tutti gli anni stiamo trattando i glioblastomas ricorrenti facendo uso di convenzionale ed agenti d'investigazione, non abbiamo avuti mai qualche cosa come le risposte che stiamo vedendo con Avastin,„ ha detto Cloughesy, che egualmente è un professore della neurologia. “Non ottenete appena questi generi di risposte in questa popolazione paziente. Stiamo vedendo i forti progressi.„

Lo studio a due bracci ha iscritto 167 pazienti con il glioblastoma ricorrente. Un braccio ha valutato Avastin usato come singolo agente, l'altro Avastin dato con CPT-11. Una funzione radiologica indipendente è stata usata per misurare le risposte del tumore, Cloughesy ha detto.

Nel braccio di Avastin soltanto, 28,2 per cento dei pazienti hanno reagito al trattamento, significante i loro tumori restretti da 50 per cento o più, un importante crescita dai tassi di risposta storici di 5 per cento. Dei 80 pazienti, 42,6 per cento sorpassavano il segno di sei mesi senza loro malattia che progredisce, dai 15 - 20 per cento storici dei pazienti. La sopravvivenza era di 9,2 mesi, un leggero aumento del sei tipico a tempo di sopravvivenza di sette mesi.

Nel braccio che studia Avastin con CPT-11, 37,8 per cento dei pazienti hanno reagito al trattamento, mentre 50,3 per cento sorpassavano il segno senza progressione di sei mesi di sopravvivenza. La sopravvivenza globale era di 8,7 mesi, un poco di meno che lo studio di Avastin soltanto.

Cloughesy crede le manifestazioni di studio la potenza apparente di Avastin una volta utilizzato da solo nella cura dei tumori al cervello micidiali per cui pochi efficaci trattamenti ora esistono.

“Penso che che cosa questo ci dice è che la maggior parte degli effetti stiamo vedendo è dovuto il Avastin,„ lui ha detto.

Inoltre, Avastin è stato tollerato bene. Mentre alcuni effetti secondari seri sono stati notati - emorragia cerebrale, colpi e attacchi di cuore - sono stati veduti in un numero molto piccolo di pazienti. Avastin egualmente è sembrato diminuire il gonfiamento del cervello, permettendo che i pazienti abbassino significativamente la dose steroide hanno dovuto catturare, eliminando una serie di effetti secondari debilitanti.

“Poiché il loro gonfiamento del cervello è andato giù e potrebbero abbassare le loro dosi degli steroidi, che alcuni pazienti hanno veduto un miglioramento notevole nella funzione,„ Cloughesy ha detto.

Circa 20.000 pazienti saranno diagnosticati con il glioblastoma questo anno, di quei 14.000 moriranno.

L'ultima nuova terapia sistematica per il glioblastoma ricorrente è stata approvata nel 1976. Fino a Avastin, tutte le altre terapie sperimentali provate in questo tipo di cancro non sono riuscito ad incontrare le linee guida di FDA per approvazione. È vitale che le terapie meno tossiche e più efficaci sono trovate per combattere il glioblastoma, Cloughesy ha detto, sia quando ricorre che quando in primo luogo è diagnosticato. Gli studi ora sono in corso vedere se i risultati di studio possono essere convalidati in pazienti con i glioblastomas recentemente diagnosticati.

Un'individuazione significativa di studio era che Avastin era solo quasi efficace come era una volta dato con la chemioterapia, ma molto meglio è stato tollerato. In consultazione con il loro medico, un rivestimento paziente di meno che un anno da vivere ha potuto optare per Avastin da solo promuovere la migliore qualità di vita ed evitare gli effetti secondari tossici della chemioterapia.

Avastin è un inibitore di angiogenesi, significante lo tagliano l'offerta di sangue indipendente che un tumore si sviluppa per alimentare ed ossigenare stesso. Una terapia molecolare mirata a, Avastin neutralizza il fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), un segnale chimico che stimola la crescita di nuovi vasi sanguigni, o l'angiogenesi. Oltre al glioblastoma ricorrente, Avastin è stato approvato per uso nei cancri colorettali, del petto e del rene metastatici come pure nel non piccolo cancro polmonare delle cellule.