Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

NYSDOH blocca studio degli Stati Uniti - Egitto alle sulle terapie mediche basate a ozono per le ulcere diabetiche dell'interfaccia

Uno studio che esplora la guarigione delle ulcere diabetiche dell'interfaccia facendo uso dei miscugli di gas attuali ozono/dell'ossigeno non ha potuto procedere a completamento ed ora è stato abbandonato, secondo l'internazionale di Ozonics, LLC, di una società di biotecnologia da proprietà di veterano impegnata in ricerca e sviluppo alle delle terapie mediche basate a ozono. “Questo studio completamente scientifico, un mondo-primo nella sua portata, doveva essere eseguito nell'Egitto, reclutando la collaborazione degli Stati Uniti e degli esperti egiziani,„ ha detto Gerard Sunnen, il MD, Presidente di Ozonics.

L'Egitto ha una popolazione diabetica stimata a 5 milioni. La prevalenza del diabete sta aumentando rapido in Medio Oriente. 20% dei diabetici sviluppano le lesioni cutanee quali le ulcere del cosciotto e 15% di quelli finalmente richiederà l'amputazione. Negli Stati Uniti, su 24 milione diabetici circa 80.000 subisca annualmente le amputazioni dell'arto inferiore.

“Gli studi pilota della ricerca hanno indicato che il trattamento attuale ozono/dell'ossigeno può diminuire drammaticamente questi numeri di amputazione,„ il Dott. Sunnen sottolineato, aggiungendo, “FDA già ha approvato l'ossigeno attuale per interfaccia che guarisce nel diabete e nelle circostanze vascolari. Questa tecnologia privata aggiunge i beni antimicrobici notevoli di un elemento naturale per accelerare la risoluzione della ferita. Il non altro antimicrobico può reclamare tale ampio campo di attività contro l'intera gamma di famiglie batteriche e fungose d'invasione, né reclama tale difesa costante contro la resistenza batterica, il veleno di tutti gli antibiotici.„

Altre funzionalità uniche riferite di ozono comprendono la sua capacità di neutralizzare la ferita batterica e le tossine fungose - ben note inibire guarigione - e di migliorare la circolazione locale via l'attivazione di ossido di azoto, nelle vie biochimiche compartecipi dalle droghe come sildenafil (Viagra).

Lo studio, nominato “sicurezza ed efficacia dell'ozonoterapia nel trattamento delle ulcere diabetiche dell'interfaccia: Uno studio clinico gestito capanno mimetico ripartito con scelta casuale del doppio,„ doveva essere patrocinato dall'università di Il Cairo ed essere firmato dal centro di ricerca nazionale, Il Cairo, l'istituto nazionale egiziano per il diabete e l'endocrinologia e l'istituto nazionale contro il cancro egiziano.

“Il dipartimento di stato di New York di salubrità (NYSDOH), malgrado i sui rifiuti, lungamente ha indicato la forza maggiore a medicina complementare ed alle terapie mediche basate a ozono in particolare e le iniziative della ricerca hanno sofferto. Un'altra società medica dell'ozono degli Stati Uniti, per esempio, ha dovuto recedere dalle sue indagini cliniche approfondite su epatite virale C ed ora mette a fuoco sulla disinfezione dell'ozono degli ospedali. L'interferenza di NYSDOH è risultato essere un frangente potente di affare. L'inibizione di sviluppo medico dell'ozono, possibilmente motivata dagli interessi commerciali, è fatta dai soci commerciali potenziali discouraging dalla collaborazione con le società mediche basati negli Stati Uniti dell'ozono e screditando i ricercatori e gli imprenditori degli Stati Uniti. La Germania, l'Italia, il Giappone e la Russia conseguentemente ora sono lontani davanti agli Stati Uniti nello sviluppo di queste biotecnologie lungimiranti.„

Il Dott. Sunnen conclusivo, “ci ha lasciati sperare che l'abbandono di questo studio fosse soltanto temporaneo e che i viali della ricerca apriranno. I diabetici non devono soffrire i travagli dei trattamenti prolungati dell'ulcera dell'interfaccia, sperimentati spesso come interminabili. Le amputazioni devastano l'organismo e spesso profondo demoralizzano i pazienti. Esaminando il futuro, la ricerca in ossigeno/terapie attuali dell'ozono troverà le applicazioni in tutto il modo di cura acuta e cronica della ferita, compreso le ulcere di pressione e del diabetico, le lesioni cutanee circolatorie, le ferite post-chirurgiche e le ferite complesse di guerra e di incidente.„