Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I risultati di nuovo studio mettono in guardia contro magnificare i suicidi della celebrità nei media

Il Dott. Alex Mesoudi, dal centro recentemente istituito di ricerca di Queen Mary per la psicologia, ha trovato la prova che lo sbraccio e l'influenza aumentanti dei media, combinati con un numero crescente di stato di celebrità definito la gente, potrebbero aumentare la probabilità delle pandemie diffuse di suicidio. Lo studio è pubblicato oggi nel giornale esaminato il pari PLoS UNO.

I suicidi dell'imitatore pedissequo accadono quando l'un suicidio della persona è causato almeno parzialmente tramite l'esposizione al suicidio di un'altra persona. I sociologi hanno proposto che i cluster dei suicidi intorno allo stesso tempo o area geografica potessero essere causati da questo effetto dell'imitatore pedissequo.

Studiando il comportamento del computer 1000 “la gente„, preprogrammato con le norme che governano come la gente impara l'uno dall'altro, il Dott. Mesoudi ha studiato il problema dei suicidi dell'imitatore pedissequo per vedere se il comportamento suicida nella popolazione realmente si adatta con i presupposti dei sociologi.

Due generi di cluster di suicidio sono stati identificati tramite la ricerca sociologica precedente. I cluster di massa sono suicidi che si presentano intorno allo stesso tempo ma attraverso un'intera regione geografica (per esempio un paese) e spesso sono associati con copertura mediatica dei suicidi della celebrità, come quella del musicista Kurt Cobain.

Il Dott. Mesoudi ha detto: “I risultati delle simulazioni su elaboratore supportano forte il collegamento proposto fra la segnalazione di massa del suicidio di una celebrità prestigiosa e un aumento nella i dati nazionali di suicidio. Ciò evidenzia l'esigenza delle linee guida di media che limitano la diffusione e la glorificazione dei suicidi, come già presentato in molti paesi, quali l'Austria, la Svizzera e l'Australia.„

Negli ultimi anni, la televisione via satellite e Internet hanno aumentato l'intervallo globale del mass media; a celebrità quali gli attori di pellicola ed i cantanti di schiocco stanno definende all'importanza aumentante a politici ed agli gli intellettuali relativi (di cui i suicidi non suscitano l'imitatore pedissequo che il suicidio tenti); ed i programmi televisivi della realtà stanno aumentando il numero delle celebrità all'interno della società.

Ulteriormente, i cluster del punto sono suicidi che si presentano intorno alla stesse data e località fisica, per esempio una serie di suicidi che accadono in un banco o in un ospedale durante le alcuni settimane o mesi. I cluster del punto sono stati attribuiti per dirigere l'apprendimento sociale, dove la gente prende le informazioni nelle loro reti sociali o comunità locali. Ciò è la teoria più comune dietro il flusso dei suicidi tragici fra i giovani a Bridgend, Galles del sud.

I risultati egualmente hanno mostrato che quello l'apprendimento diretto del sociale genera i cluster del punto, ma che questo parzialmente è imitato dall'omofilia; una situazione dove la gente che è predisposta indipendente al suicidio commettente tende a risiedere vicino ad uno un altro. Queste aree quindi hanno più alti rischi di suicidio malgrado nessun'influenza sociale reale.

Il Dott. Mesoudi ha aggiunto: “Questi risultati suggeriscono che l'apprendimento e l'omofilia del sociale generino i tipi distinti di cluster. Usando questa conoscenza per distinguere fra i cluster genuini del punto dell'imitatore pedissequo ed i cluster homophilous del punto, gli sforzi per diminuire i suicidi socialmente influenzati hanno potuto più efficacemente essere mirati a al precedente.„