Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli stati del tratto di GI possono accadere nei pazienti dell'apnea nel sonno

I pazienti che soffrono da apnea nel sonno ostruttiva (OSA) egualmente tendono ad avere termini supplementari (GI) del tratto gastrointestinale, quali riflusso gastrico e l'ernia iatale, che si formano all'apertura nel vostro diaframma in cui la vostra conduttura dell'alimento (esofago) unisce il vostro stomaco.

In un documento presentato all'accademia di 2009 americani di otorinolaringoiatria - la riunione annuale delle fondamenta della chirurgia del collo e della testa (AAO-HNSF) & l'EXPO a San Diego, ricercatori di OTO hanno analizzato i dati clinici futuri di studio di 42 pazienti adulti con OSA provato verificati in polysomnography di notte. Ogni paziente egualmente ha subito un'endoscopia superiore di GI per valutare la loro salubrità gastrointestinale.

I risultati patologici di GI sono stati trovati nella vasta maggioranza dei pazienti (83,3 per cento), 59,5 per cento di loro che mostrano due o più risultati. La patologia osservata più frequente era ernia iatale (64,3 per cento dei pazienti), seguita dall'esofagite corrosiva (45,2 per cento), esofagite istologica e gastrite corrosiva (entrambi i 21,4 per cento), ulcera duodenale (7,1 per cento) e riflusso biliare (4,8 per cento).

Circa 12 milione Americani hanno apnea nel sonno. L'apnea nel sonno è caratterizzata dagli episodi del diminuito di o nessun flusso d'aria durante la notte.

Dai loro risultati, gli autori concludono che i pazienti che sembrano soffrire da OSA dovrebbero non solo essere studiati nel laboratorio di sonno, ma dovrebbero anche riferirsi a un gastroenterologo per gli esami diagnostici supplementari per fornire un approccio completo del trattamento.