Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Indicatori di infiammazione non non in questione con l'effetto chemopreventative dell'aspirina sugli adenomi colorettali

Inatteso, gli indicatori di infiammazione non sembrano essere compresi con l'effetto chemopreventative dell'aspirina sugli adenomi colorettali, secondo un 12 ottobre online pubblicato breve comunicazione nel giornale dell'istituto nazionale contro il cancro.

L'aspirina è stata indicata per impedire la ricorrenza dei polipi colorettali, ma non è chiaro come funziona. Un'ipotesi è che può pregiudicare i livelli di sostanze, come proteina C-reattiva ed altre, che sono indicatori di infiammazione.

per studiare questo, Gloria Y.F. Ho, Ph.D., del ministero di epidemiologia & della sanità della popolazione, all'istituto universitario di Albert Einstein di medicina Bronx, in N.Y. ed i cambiamenti esaminati colleghi nei livelli del plasma di proteina indicatore-C-reattiva di infiammazione cinque, di interleuchina 6, di fattore di necrosi tumorale, di tipo solubile II del ricevitore di TNF e di ricevitore IL-1 antagonista-al riferimento ed all'anno 3 di 884 oggetti. La prova ha avuta tre gruppi dell'aspirina (gruppo compreso del placebo dell'aspirina) e due gruppi dell'acido folico (gruppo folico compreso del placebo).

I cambiamenti nei livelli di tutti e cinque gli indicatori di infiammazione non sono stati associati con la ricorrenza dell'adenoma. Per coloro che non ha ricevuto l'acido folico, la proteina C-reattiva livella in quelle nel gruppo dell'aspirina di 325 mg/d variabile pochissimo, mentre è stata aumentata statisticamente significativamente di gruppo del placebo. Per gli oggetti che hanno ricevuto l'acido folico, l'associazione inversa è stata osservata.

“I nostri dati suggeriscono che l'aspirina bassa della dose abbia effetti modesti sulla stabilizzazione [proteina C-reattiva], che può essere abrogata da un ad alto livello di folato,„ gli autori scrivono. “Tuttavia, tali effetti benefici non compaiono confer alla protezione contro neoplasia colorettale. Gli indicatori di infiammazione non mediano gli effetti precedentemente osservati dell'aspirina e dell'acido folico sugli adenomi colorettali.„