Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le differenze regolarici fra la madre e le cellule figlie hanno fatto il nuovo indicatore luminoso su divisione cellulare

Quando la madre e le cellule figlie sono disaccordi ogni volta creati delle cellule, non sono esattamente simili. Hanno lo stesso insieme dei geni, ma differiscono nel modo che li regolamentano. La nuova ricerca ora rivela che queste differenze regolarici fra la madre e le cellule figlie direttamente sono collegate a come preparano per la loro spaccatura seguente.

Il lavoro, una collaborazione fra gli scienziati alla Rockefeller University e State University di New York, ruscello pietroso, possono infine piombo ad una migliore comprensione di come la divisione cellulare va storto nei tipi differenti di cancri. I risultati sono riferiti nella biologia del PLoS di questa settimana.

“Potete pensare basicamente alla madre ed alle cellule figlie mentre le celle differenti appena come voi una cella di fegato e del neurone ma ad un livello molto più sottile,„ dite primo Stefano autore Di Talia, che ha ricevuto il suo Ph.D. da Rockefeller nel 2009. “Abbiamo trovato che le loro differenze nell'espressione genica sono egualmente che cosa incita la madre e le cellule figlie ad iniziare diversamente i loro cicli cellulari.„

Quando una cella matura si divide, produce una madre e una cellula figlia, la figlia che è più piccola della madre, spiega Di Talia, che ora è un postdoc alla Princeton University. Dagli anni 70, è stato pensato che sia la madre che le cellule figlie usassero gli stessi attrezzi e leve per preparare per divisione cellulare. La sola differenza era che la cellula figlia avrebbe catturato più lungamente per cominciare dividersi a causa della sua dimensione.

Questa spiegazione ordinata ora conduce ad una versione più sfumata, i semi di cui possono essere rintracciati per ricercare dall'università di Wisconsin nel 2003. Poi è stato proposto che la dimensione della cellula figlia avesse no relazione se è pronto da dividersi. Che cosa importa è che la cellula figlia e non la cella di madre, riceve una proteina chiamata Ace2 quando le due celle nascono. “Questo modello era contro il dogma accettato e contro i nostri propri risultati precedenti. Il nostro lavoro era un tentativo di risolvere il dibattito,„ dice Di Talia.

Di Talia e Frederick R. Cross, testa del laboratorio di Rockefeller della genetica molecolare del lievito e di un ricercatore che, come il gruppo di Wisconsin, lavora con lievito germogliante, sembrano riconciliare le due teorie ed in dettaglio nuovi inchiodati trattamento.

I ricercatori hanno trovato che sia le madri che le figlie gestiscono e percepiscono la loro dimensione prima di commettere al disaccordo ma le leve e gli attrezzi che usano per rendere a quell'impegno sono differenti. La ragione: I derivati, ma non le madri, ricevono la proteina Ace2 come pure una proteina mai-prima-implicata chiamata Ash1, che, come Ace2, gestisce le leve che geni storti nell'attrezzo.

Nel loro lavoro, Di Talia e l'incrocio hanno studiato una fase del ciclo cellulare conosciuto come G1, durante cui le celle determinano se sono abbastanza in buona salute fornire un'altra fase faticosa di divisione. G1 è considerato critico perché gli errori in questo trattamento possono piombo a cancro.

Di Talia ed incrocio, con i colleghi Bruce Futcher e Hongyin Wang al ruscello pietroso di SUNY, trovato che le cellule figlie, che hanno normalmente Ace2 e Ash1, interpretano la loro dimensione mentre 20 per cento più piccolo del loro gemello della nascita. I ricercatori indicano che, senza queste proteine, le cellule figlie cominciano a dividersi come se siano state celle di madre, anche ad una dimensione che normalmente sarebbe reputata troppo piccola. Quando Ace2 e Ash1 geneticamente sono stati manipolati per localizzare nelle madri pure, l'opposto accaduto: inutilmente hanno continuato a svilupparsi ed hanno cominciato a dividersi come se fossero figlie.

Questa individuazione critica ha indicato che l'obiettivo diretto di queste due proteine è un gene chiamato CLN3, che gli scienziati lungamente hanno sospettato è l'ultima luce verde affinchè le celle cominciassero dividersi. Le cellule figlie di ragione passano un tempo maggiore che prepara per la divisione cellulare è perché sia Ace2 che Ash1 abbassano l'espressione di CLN3. Per assicurarsi le cellule figlie non cominciano dividersi prima che siano pronte e come backup, Ace2 egualmente accende la produzione di Ash1.

“Configurazioni di questo lavoro sui nostri risultati precedenti molto piacevolmente,„ dice Di Talia. “Quel CLN3 è il regolatore centrale di questa fase di ciclo cellulare e quello che è gestito indica molto precisamente che anche i piccoli cambi possono provocare le grandi differenze.„