Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le cellule staminali neurali umane proteggono i fotoricettori del cono: Dati preclinici di StemCells

StemCells, Inc. (NASDAQ: Rappresentazione preclinica oggi annunciata di dati del GAMBO) nuova che le sue cellule staminali neurali umane proteggono i fotoricettori del cono (coni) nell'occhio da degenerazione progressiva e conservano il lungo termine visivo di funzione. I coni sono indicatore luminoso che percepisce le celle che altamente sono concentrate all'interno della macula dell'occhio umano e la capacità di proteggere queste celle suggerisce un approccio di promessa a trattare la degenerazione maculare senile relativa all'età (AMD), la causa principale di perdita della visione e la cecità nella gente sopra l'età di 55. Questi risultati importanti sono stati presentati oggi in Chicago, l'Illinois alla società per la riunione annuale 2009, uno della neuroscienza dei forum principali per i neuroscenziati intorno al mondo per presentare e discutere la ricerca di avanguardia nel campo.

“Lungamente abbiamo riconosciuto che una serie di disturbi della vista possono essere candidati adatti per alle le terapie basate a cella del gambo,„ abbiamo indicato Stephen Huhn, MD, FACS, FAAP, vice presidente e testa del programma dello SNC a StemCells, Inc. “che l'abilità dimostrata delle nostre cellule staminali neurali umane ai coni della prerogativa è molto significativa, perché è il deterioramento progressivo di queste celle specifiche quelle infine provoca la perdita della visione in AMD. Questi dati supportano la nostra ipotesi che le nostre cellule staminali neurali possono fornire il neuroprotection alle celle attuali ed è la nostra speranza che potremo ripiegare questi risultati di promessa nella clinica.„

Questi studi, che sono stati intrapresi in collaborazione con i ricercatori dall'istituto dell'occhio di Casey all'università di salubrità & di scienza dell'Oregon (OHSU), hanno messo a fuoco sulla valutazione la sopravvivenza del fotoricettore e della conservazione della visione dopo trapianto cellule staminali neurali umane di StemCells'. I risultati dello studio dimostrano che, una volta trapiantati nell'occhio dell'istituto universitario reale del ratto dei chirurghi (RCS), un modello animale affermato di degenerazione retinica, la funzione visiva della prerogativa neurale delle cellule staminali come misurata da due prove visive separate ed esibiscono la protezione robusta e a lungo termine sia dei bastoncini che dei fotoricettori del cono.

Raymond Lund, Ph.D., professore dell'oftalmologia all'istituto dell'occhio di Casey, ha commentato, “il mio laboratorio è stato compreso nella ricerca dei molti approcci di terapia cellulare per le malattie dell'occhio ed i risultati che abbiamo veduto con la cellula staminale neurale umana sono particolarmente emozionanti. Questo studio fornisce la prova novella che le cellule staminali neurali possono fornire il valore terapeutico significativo per i casi clinici di degenerazione retinica ed aspettiamo con impazienza di verificare il loro potenziale negli studi supplementari con StemCells, Inc.„

L'occhio contiene milioni di celle del fotoricettore, conosciuti come i coni retinici ed i coni, che sono responsabili del prendere leggero e della conversione in impulsi elettrici che sono inviati lungo il nervo ottico affinchè il cervello interpretino che cosa vediamo. Rohi permettono noi vediamo nelle circostanze scure, mentre i coni permettono che noi vediamo il dettaglio dell'ammenda e di colore. I coni altamente sono concentrati all'interno della macula, la parte dell'occhio che è responsabile della nostra centrale, la visione “diritta„. I pazienti con AMD perdono la visione centrale quando i coni all'interno della macula degenerano. È stimato che 25 - 30 milione di persone universalmente soffrono da AMD, compreso l'altrettanto come 15 milione Americani ed oggi non c'è maturazione.

StemCells sta perseguendo gli studi preclinici supplementari sulle sue cellule staminali neurali nella speranza dell'un giorno che raggiunge un'innovazione nel trattamento dell'AMD. I risultati incoraggianti di questo ultimo studio seguono la rappresentazione precedentemente riferita di dati che le cellule staminali neurali di StemCells' engraft, sopravvivono al lungo termine e possono proteggere la retina da degenerazione progressiva nel ratto di RCS. StemCells corrente sta sviluppando le sue cellule staminali neurali umane come prodotto terapeutico potenziale, celle® HuCNS-SC, per i disordini degeneranti multipli del sistema nervoso centrale.