Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La Maggior Parte dei professionisti del settore medico-sanitario mancano dell'accesso alle prove per la diagnostica della sifilide primaria, rivela l'indagine

Sebbene la sifilide sia una di più vecchie malattie conosciute, la maggior parte dei professionisti del settore medico-sanitario non hanno accesso alle prove necessarie per diagnosticarlo attendibilmente nella sua fase più iniziale e più contagiosa. Un'indagine recente degli specialisti delle malattie infettive per quanto riguarda la diagnosi e del trattamento della sifilide compare nell'emissione del 15 novembre 2009 delle Malattie Infettive Cliniche, ora accessibile in linea.

La diagnosi Definitiva della sifilide primaria (la fase più iniziale dell'infezione di sifilide) conta sulla prova diretta dell'anticorpo fluorescente o sulla microscopia del darkfield, di cui tutt'e due sono spesso non disponibili in un'impostazione clinica. Le analisi del sangue sono comunemente usate diagnosticare la sifilide; tuttavia quelle prove producono i falsi negativi in 20-30 per cento dei casi della sifilide primaria, concedendo per la possibilità della trasmissione in corso.

Secondo lo studio l'autore Deborah Dowell, MD, del Centri Per Il Controllo E La Prevenzione Delle Malattie (CDC), “Ottantuno per cento dei nostri dichiaranti di indagine non ha avuto accesso a microscopia del darkfield. Questi clinici dovrebbero trattare presuntivo se sospettano la sifilide iniziale nei loro pazienti.„ Il Dott. Dowell egualmente nota che c'è un clinico ed esigenza di salute pubblica di un punto rapido del fa un care-test di per diagnosticare attendibilmente la sifilide primaria.

L'indagine egualmente indica che la maggior parte dei dichiaranti curano i pazienti HIV positivi che hanno sifilide secondaria con di tre settimane le iniezioni della penicillina sebbene non ci sia prova dei risultati migliori per il trattamento con più di un'iniezione. I Medici con più esperienza della gestione della sifilide erano più probabili trattare con l'un'iniezione raccomandata, che suggerisce che i medici con la meno sifilide di gestione di esperienza potessero mancare della fiducia che la gestione secondo le linee guida stabilite è sufficiente per impedire i risultati avversi.

Sorgente: Società delle Malattie Infettive dell'America