Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori scoprono il nuovo meccanismo immune contro i virus

I virus sono parassiti microscopicamente graduati. Piantano i loro geni nelle celle della loro vittima per “le riprogrammano„. Le celle infettate poi più non producono di che cosa hanno bisogno per vivere, facendo i lotti di nuovi virus invece.

Fortunatamente, nella maggior parte dei casi questo assorbimento ostile non passa inosservato. Ciò è assicurata dai propri sensori delle cellule che riconoscono il materiale genetico straniero. Uno di loro è RIG-I. Quando RIG-I incontra i geni del virus, assicura che l'organismo rilasci l'interferone. L'interferone poi a sua volta mette le celle dell'uccisore sull'equipaggiamento di riserva di combattimento, che poi distruggono le celle infettate.

Eppure questo fa parte soltanto della verità. “Secondo i nostri risultati RIG-I sembra svolgere un molto più ruolo importante nella difesa contro i virus che precedentemente è stato pensato,„ il Dott. Jürgen Ruland dal der Isar di Rechts dell'ospedale universitario all'università di Monaco di Baviera tecnica spiega. Di conseguenza, molte infezioni virali sono accompagnate da una temperatura elevata. Quello è egualmente che cosa accade con influenza, per esempio. Questo sintomo non può essere spiegato dalla versione dell'interferone da solo.

Nella maggior parte dei casi è citochine che avviano la febbre. “Ora abbiamo potuti mostrare, per la prima volta, che RIG-I egualmente a gomito sulla produzione di una citochina centrale nel caso di un'infezione virale,„ il Dott. Hendrik Poeck spieghiamo. Lui ed il suo Dott. Michael Bscheider dei colleghi ed il Dott. Olaf Groβ sono gli autori primari dello studio. Ciò è un riferimento all'interleuchina 1, probabilmente la citochina più importante conosciuta oggi.

Fanno i corsi più severi di causa di citochine di una malattia?

Quando RIG-I entr inare contatto con un gene del virus, fa due cose. Da un lato, assicura che le celle immuni sicure producano l'pro-interleuchina, il precursore dell'interleuchina 1, in blocco. Allo stesso tempo attiva un enzima via una via di segnalazione complicata quale trasforma l'pro-interleuchina nell'interleuchina 1." questa interleuchina 1 poi assicura che i sintomi tipici di un'infezione virale come febbre o tremare accadano,„ il professor Veit Hornung dalla clinica dell'università di Bonn spiega.

Finora i ricercatori non sanno importante questo meccanismo immune recentemente scoperto è per la riuscita difesa contro il virus. La versione dell'interleuchina può anche avere conseguenze negative. “C'è l'ipotesi che una sovrapproduzione delle citochine può piombo ai corsi estremamente severi delle malattie di virus,„ il professor Gunther Hartmann dice. Le medicine che impediscono una tal “tempesta di citochina„ possono quindi alleviare il progresso della malattia.

Il riconoscimento del virus a RNA da RIG-I provoca l'attivazione di CARD9 e della segnalazione inflammasome per la produzione di interleuchina 1beta. Hendrik Poeck, Michael Bscheider, Olaf lordo, barretta di Katrin, Susanne Roth, Manuele Rebsamen, Nicole Hannesschläger, Martin Schlee, Simon Rothenfusser, Winfried Barchet, Hiroki Kato, Shizuo Akira, Satoshi Inoue, Stefan Endres, cristiano Peschel, Gunther Hartmann, Veit Hornung & Jürgen Ruland. Immunologia della natura, doi: 10.1038/ni.1824

Source:

University Hospital Rechts der Isar