Il tè verde impedisce lo sviluppo di fibrosi epatica nel modello del ratto di fibrosi DMN indotta del fegato

Parecchi studi hanno indicato che la perossidazione del lipido stimola la produzione del collageno in fibroblasti e celle stellari epatiche (HSC) e svolge un ruolo importante nello sviluppo di fibrosi del fegato. Gli effetti di Hepatoprotective di tè verde contro tetracloruro di carbonio, colestasi e fibrosi del fegato indotta l'alcool sono stati riferiti in molti studi. Tuttavia, l'effetto hepatoprotective di tè verde nei modelli indotti della dimetilnitrosammina (DMN) non è stato studiato.

Un articolo della ricerca pubblicato il 7 novembre 2009 nel giornale del mondo della gastroenterologia rivolge questo problema. Il gruppo di ricerca, piombo da prof. Hong-Yon Cho dalla Korea University ha esaminato l'effetto protettivo dell'estratto del tè verde (GT) su fibrosi epatica in una riga del ratto HSC ed in un modello del ratto di fibrosi epatica DMN indotta.

I risultati hanno mostrato che amministrazione della GT ha impedito lo sviluppo di fibrosi epatica nel modello del ratto di fibrosi DMN indotta del fegato. Questi risultati sono stati confermati sia dall'istologia del fegato che tramite la misura quantitativa del contenuto epatico dell'idrossiprolina, un indicatore del deposito del collageno del fegato. Di conseguenza, l'inibizione di proliferazione, il deposito diminuito del collageno e l'espressione del collageno di tipo 1 sono stati osservati in celle attivate HSC-T6 dopo il trattamento della GT. Questi risultati implicano che la GT abbia diminuito la proliferazione di HSC attivato e giù abbia regolamentato il contenuto del collageno e l'espressione del tipo 1 del collageno, quindi miglioranti la fibrosi epatica.

I ricercatori hanno tratto una conclusione che il tè verde può proteggere le celle di fegato e diminuire il deposito delle fibre del collageno nel fegato. Il tè verde fornisce una strategia sicura ed efficace per il miglioramento della fibrosi epatica.