Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

OEPA riferisce la riduzione sostanziale di cecità di fiume in sei paesi endemici

Un'iniziativa regionale lanciata negli anni 90 per eliminare l'oncocercosi (cecità di fiume) in Americhe ha diminuito sostanzialmente negli ultimi anni la prevalenza della malattia, come provato tramite una diminuzione di 31% nel numero delle persone che richiedono l'amministrazione di massa della droga in sei paesi endemici. I risultati sono stati riferiti oggi alla cinquantottesima riunione annuale della società americana di medicina e dell'igiene tropicali (ASTMH).

Il progresso riferito riflette il successo del programma di eliminazione di oncocercosi per le Americhe (OEPA), a cui promuove l'educazione sanitaria e l'amministrazione semestrale della droga d'eliminazione dei vermi Mectizan® (ivermectin) più di 85% della popolazione ammissibile delle comunità endemiche in sei paesi. Il OEPA è stato formato in risposta risoluzione ad una 1991 panamericani dell'organizzazione (PAHO) di salubrità fermare la cecità da oncocercosi in Americhe da ora al 2007 (più successivamente aumentato per fermare trasmissione da ora al 2012).

Il centro di Carter a Atlanta, GA è l'agenzia di patrocinio per al il OEPA basato a Guatemala, un'associazione che comprende i sei paesi endemici, l'internazionale delle fondamenta dei club di leoni, il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti (CDC), la PAHO (l'ufficio regionale americano dell'organizzazione mondiale della sanità) e Bill & le fondamenta di Melinda Gates. Merck & Co., inc contribuisce notevolmente ai risultati del programma donando le offerte di Mectizan per finchè è necessario da eliminare la cecità di fiume come problema sanitario di salute pubblica.

“OEPA è un esempio di successo vero permesso dagli sforzi combinati dei governi, l'industria e numeri incalcolabili della gente locale che fa il lavoro di campo nelle circostanze estremamente difficili,„ ha detto O. Richards franco, MD, che dirige il programma di cecità di fiume del centro di Carter. “Tuttavia, non possiamo riposare sui nostri allori. Il lavoro critico resta fare per raggiungere il nostro scopo della trasmissione d'interruzione di oncocercosi in Americhe da ora al 2012.„

L'oncocercosi, la causa contagiosa in secondo luogo principale del mondo di cecità, è una malattia parassitaria causata da un ascaride chiamato volvulus di Onchocerca. È trasmessa agli esseri umani dai morsi delle mosche nere minuscole che crescono in fiumi ed in flussi rapido scorrenti. Il verme fornisce l'organismo attraverso l'interfaccia, sotto cui matura e si riproduce. La prole, conosciuta come i microfilariae, migra sotto l'interfaccia e causa itching intenso. Il movimento dei microfilariae agli occhi può provocare il peggioramento la visione e della cecità. L'organizzazione mondiale della sanità (WHO) stima che approssimativamente mezzo milione di persone universalmente sia stato accecato da oncocercosi.

“Le opportunità di eliminare tutta la malattia tropicale, particolarmente su un livello regionale, sono rare e rare. Il progresso riferito oggi dal OEPA è una pietra miliare reale,„ ha detto Thomas Wellems, il MD, il PhD, Presidente di ASTMH. “L'oncocercosi è un ostacolo importante a sviluppo economico in molti paesi, specialmente in Africa perché provoca spesso terreno arabile che è abbandonato per paura dell'infestazione. Sbarazzando i paesi questo e di altre malattie, vederemo l'economia mondiale migliorare. Gli avanzamenti di salubrità sono le fondamenta per la prosperità aumentata.„

Nella sua presentazione di ASTMH, il Dott. Richards si è riferito ad un rapporto di 2008 OEPA alla PAHO che documenta il risultato a livello regionale degli scopi di massa semiannuali dell'amministrazione della droga nei sei paesi endemici (Brasile, Colombia, Ecuador, Guatemala, Messico e Venezuela), l'eliminazione della malattia dell'occhio attribuibile ad oncocercosi in 9 dei 13 fuochi geografici dell'obiettivo (aree in cui le popolazioni del parassita intersecano con le popolazioni dei host -- compreso le mosche nere -- quel supporto la sua esistenza) ed interruzione della trasmissione (con cessazione concomitante del trattamento di massa) in 6 dei 13 fuochi. Nessun nuovo caso di cecità completa da oncocercosi è stato registrato nella regione nell'ultima decade, lui ha notato. In risposta al rapporto di OEPA, la PAHO che dirige il consulente legale ha pubblicato una risoluzione riveduta che rivolge ai paesi ed ai loro partner completare l'eliminazione della trasmissione onchocercal di oncocercosi di malattia dell'occhio e di interruzione in Americhe da ora alla fine del 2012.

“Il centro di Carter piombo gli sforzi di campagna di eliminazione continuando a mirare alla regione di Amazon di Brasile ed il Venezuela, il sito di tutta la malattia dell'occhio restante e delle aree di diffusione di oncocercosi più attive in Americhe,„ il Dott. Richards ha aggiunto. “Queste aree sono estremamente difficili da accedere a e costituiscono la più grande transenna a completare l'eliminazione di oncocercosi in questo emisfero. Il raggiungimento del questo scopo richiederà il fuoco, il supporto tecnico e l'investimento continuati dai partner di programma.„

“Il ASTMH è soddisfatto per fornire un forum per la presentazione di questi dati molto incoraggianti, che evidenziano un riuscito programma tropicale di eliminazione di malattia,„ il Dott. celebre Wellems. “Guardiamo in avanti al giorno in cui il programma di eliminazione di oncocercosi per le Americhe annuncia il completamento del suo lavoro, una pietra miliare che rifletterà i contributi combinati dei governi, dell'industria e delle comunità di salute pubblica e della ricerca.„

Source:

American Society of Tropical Medicine and Hygiene