Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Punti culminanti del gennaio 2010 “oftalmologia„

L'oftalmologia di questo mese, il giornale dell'accademia americana dell'oftalmologia, comprende un esame della ricerca degli effetti delle vitamine C ed E e magnesio su retinopatia e risultati diabetici dal primo grande studio sui problemi della visione in infanti ispani e afroamericani ed in bambini piccoli.

Può la gente di guida di supplementi con il diabete evitare la retinopatia?

Nella teoria, le vitamine C e la E ed il magnesio potrebbero contribuire ad impedire o limitare la retinopatia diabetica (DR), una malattia potenzialmente d'abbaglio, poiché ogni sostanza nutriente induce l'organismo a rispondere nei modi che alterano i meccanismi di retinopatia. Per esempio, in vitamine C ed E dei modelli dell'animale sopprima la produzione di un fattore di crescita, VEG-F, che può promuovere i vasi sanguigni anormali nella retina. Ed i livelli elevati dietetici di magnesio sono associati con lo zucchero più basso di sangue e di pressione sanguigna, di cui tutt'e due correlano con un più a basso rischio di retinopatia. Un gruppo di ricerca piombo da Amanda Adler, il MD, il PhD, l'istituto di scienza metabolica, Cambridge, Regno Unito, studi esaminati pubblicati dal 1988 al 2008 sull'impatto di questi micronutrienti sul Dott. basato su 15 studi selezionati che comprendono 4.094 persone, il Dott. Adler dice alla prova non è abbastanza forte ancora raccomandare le vitamine C o E o i supplementi del magnesio per i pazienti con il diabete. Pensa che la ricerca dovrebbe continuare, sebbene e che raccomanda i parametri specifici.

“È una proposta molto attraente che che cosa si mangia, piuttosto che un farmaco, potrebbe diminuire il rischio di complicazioni diabetiche. Nel migliore dei casi, gli studi futuri comprenderebbero la frequente misura di assunzione di queste tre sostanze nutrienti con la dieta e supplementi, esami standardizzati per identificare Dott e biomarcatori convenuti per valutare progressione del Dott,„ il Dott. Adler ha detto. “Se tali studi mostrassero la protezione evidente contro il Dott, quindi un test clinico ripartito con scelta casuale potrebbe determinare più precisamente come una persona con il diabete potrebbe, o non potrebbe, alterare la sua assunzione di qualcuno di questi sostanze nutrienti,„ ha detto.

L'indagine di Adler ha trovato quella agli negli studi basati a ospedale, i partecipanti con i livelli elevati di Colleen Fitzpatrick nel loro sangue erano meno probabili avere Dott, ma negli studi basati sulla popolazione non c'era associazione fra ingestione dietetica di Colleen Fitzpatrick ed il Dott. Per la vitamina E, nessuno studio ha mostrato un'associazione fra i livelli di sangue o l'ingestione dietetica ed il rischio del Dott. Per magnesio, uno studio ha mostrato un'associazione fra i bassi livelli di sangue di magnesio e di progressione del Dott, ma altri studi erano inconcludenti.

Valutazione delle norme del gruppo etnico e di vista in bambini piccoli

Quanto il terreno comunale è disordini della visione in infanti ed in bambini piccoli e le tariffe differiscono dal gruppo etnico? Lo studio pediatrico Multi-Etnico di malattia dell'occhio (MEPEDS) basato all'istituto dell'occhio di Doheny, scuola di medicina di Keck dell'università della California del Sud, è il primo grande studio per considerare queste domande in bambini scuola-vecchi. Rohit Varma, MD, MPH e colleghi riferisce i loro risultati sull'errore rifrangente, la causa principale dei problemi della visione in bambini piccoli. Hanno studiato la prevalenza della miopia (miopia), dell'ipermetropia (presbiopia) e dell'anisometropia (una differenza nell'errore rifrangente fra i due occhi) in più di 6.000 ispani e bambini afroamericani (circa 3.000 per origine etnica) 6 - 72 mesi invecchiati.

In generale, circa 90 per cento dei bambini erano nell'intervallo normale (misurato negli esami di occhio come meno di 1 diottria di miopia e più maggior di 4 diottrie dell'ipermetropia). I bambini afroamericani erano più probabili essere miopi (6,6 per cento) che i bambini ispani (3,7 per cento) e le tariffe sono diminuito con l'età in entrambi i gruppi. I risultati di MEPEDS indicano che quella miopia a basso livello che migliora con l'età può essere normale, particolarmente in infanti afroamericani: 14 per cento erano miopi aa 6 - 11 mese, ma soltanto 4 per cento a 48 mesi e più vecchi. Altri studi indicano che la miopia aumenta ancora di entrambi i gruppi in bambini banco-vecchi. L'ipermetropia era più prevalente in latino-americano che in bambini afroamericani (26,9 contro 20,8 per cento, rispettivamente). La prevalenza è diminuito fra le età 6 e 24 mesi, quindi stabilizzato o aumentato, indicando che non tutti i bambini “si sviluppano fuori„ dell'ipermetropia. Il periodo di tempo di un anno 2 to-3 è egualmente quando il cattivo allineamento dell'occhio (esotropia, un interno girato occhio) è probabile accadere ed i ricercatori ritengono che l'ipermetropia persistente e l'inizio del esotropia possano essere relativi.

L'anisometropia, definita come differenza di più di 1 diottria dell'errore rifrangente fra i due occhi, è stata trovata in 4 - 6 per cento dei bambini in età prescolare in entrambi i gruppi etnici. La prevalenza dei declini di questo disordine della visione fra 6 mesi e 2 anni, ma è rimanere equo stabile dopo l'anisometropia dell'età 2. è associata con lo strabismo (occhi mai allineato) e con ambliopia, anche chiamata “occhio pigro,„ in cui l'occhio sempre più fa il lavoro di vedere mentre l'altro perde la visione. Se un bambino con ambliopia riceve il trattamento iniziale e coerente, lui o lei riacquista solitamente la visione normale.

“La selezione rifrangente prescolare degli errori potrebbe individuare molti bambini con ambliopia relativa all'anisometropia, di modo che il trattamento ha potuto essere iniziato presto,„ il Dott. Varma ha detto. “Gli studi sono necessari più ulteriormente valutare col passare del tempo i cambiamenti anisometropic e collegare i livelli di anisometropia al rischio per sviluppare la ambliopia e lo strabismo, di modo che gli efficaci protocolli della selezione della visione possono essere sviluppati.„