Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Chirurgia di bypass gastrico può aumentare l'aspettativa di vita degli individui obesi

Un modello computerizzato suggerisce che gli individui più obesi sarebbe probabilmente vivono più a lungo se subito un intervento chirurgico di bypass gastrico, secondo un rapporto nel numero di gennaio di Archives of Surgery, una delle JAMA / Archives riviste. Tuttavia, la decisione migliore per i singoli pazienti variano in base a fattori quali l'età, l'aumento dell'indice di massa corporea e l'efficacia di un intervento chirurgico.

Si stima che 5,1 per cento della popolazione degli Stati Uniti è patologicamente obesi, spesso definita come un indice di massa corporea (BMI) di 40 o superiore, secondo informazioni di base nell'articolo. I dati disponibili suggeriscono che la dieta, i trattamenti comportamentali e farmacologici spesso non causare la perdita di peso significativo per le persone in questo gruppo. Chirurgia bariatrica sembra essere l'unica terapia efficace per promuovere la perdita di peso clinicamente significativo e migliorare l'obesità legati alle condizioni sanitarie per gli obesi. Tuttavia, la procedura non è senza rischi, anche in ospedale la morte.

Daniel P. Schauer, MD, M.Sc., della University of Academic Health Center di Cincinnati, e colleghi hanno usato due indagini rappresentativo a livello nazionale e un recente ampio studio osservazionale per costruire un modello di stima dei benefici e dei rischi di un intervento chirurgico di bypass gastrico per gli individui con obesità patologica. Il modello incluso i dati di quasi 400.000 persone a livello nazionale per stimare il rischio di morte per l'obesità e le sue complicanze, i dati di 23.281 pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica per calcolare in ospedale tassi di mortalità seguendo le procedure e gli esiti ai partecipanti a un sette anni di studio determinare gli effetti di un intervento chirurgico sulla sopravvivenza e per calibrare e validare il modello.

Secondo il modello risultante, una media di 42 anni, donna con un BMI di 45 guadagnerebbe circa altri tre anni di aspettativa di vita a causa della sottoposti a chirurgia bariatrica, un 44-anno-vecchio con lo stesso BMI guadagnerebbe circa 2,6 anni aggiuntivi.

Ulteriori analisi hanno rivelato che le giovani donne con BMI superiore che dovrebbe risparmiare l'aspettativa di vita più da un intervento chirurgico. Giovani uomini con BMI superiore potrebbe anche guadagnare di più l'aspettativa di vita dopo l'intervento chirurgico, ma il guadagno sarebbe meno per gli uomini che per le donne in ogni sottogruppo. "I pazienti più giovani sono a basso rischio chirurgico e più tempo su cui realizzare i benefici della chirurgia", scrivono gli autori. "Per i pazienti più anziani, il guadagno è minore, e per alcuni, la chirurgia di bypass gastrico si riduce l'aspettativa di vita".

"L'analisi qui presentata decisione è un passo avanti nella comprensione selezione ottimale dei pazienti, ma evidenzia anche alcune delle aree che richiedono dati migliori," continuano. Per esempio, il rapporto rischio-beneficio cambiamenti sulla base di quanto sia efficace la chirurgia bariatrica è probabile che sia. Sono necessarie maggiori informazioni su come le caratteristiche individuali del paziente, ad esempio, avere il diabete, influenzano l'efficacia della procedura.

"In conclusione, mentre non tutti i pazienti è garantito un buon risultato, il nostro modello indica che il bypass gastrico l'aspettativa di vita aumenta per la maggior parte sottogruppi di pazienti, tuttavia, per coloro ad alto rischio chirurgico o nei quali l'efficacia di un intervento chirurgico è probabile che sia bassa, beneficio sarà essere minimi ", scrivono gli autori. "Crediamo che i risultati di questa analisi possono essere utilizzati per informare meglio sia i pazienti 'e medici' decisioni in materia di chirurgia di bypass gastrico".

Fonte: JAMA e Riviste Archives