Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le Donne sulle droghe antideprimenti possono incontrare le difficoltà di lattazione

Secondo un nuovo studio accettato per la pubblicazione nel Giornale Della Società Endocrina dell'Endocrinologia & del Metabolismo Clinici (JCEM), le donne che prendono le forme comunemente usate delle droghe antideprimenti possono avvertire la lattazione in ritardo dopo avere dato alla luce e possono avere bisogno del supporto supplementare di raggiungere i loro scopi di allattamento al seno.

L'Allattamento Al Seno avvantaggia sia gli infanti che le madri in molti modi come latte materno è facili da digerire e contiene gli anticorpi che possono proteggere gli infanti dalle infezioni batteriche e virali. L'Organizzazione mondiale della sanità raccomanda che gli infanti dovrebbero esclusivamente essere allattati per i primi sei mesi di vita. Questo nuovo studio indica che determinate droghe antideprimenti comuni possono essere collegate ad una difficoltà comune incontrata tramite le nuove madri conosciute come l'attivazione secretiva in ritardo, definita come mora nell'inizio della secrezione completa del latte.

“I petti sono ghiandole serotonina-regolamentate, significare la capacità dei petti di secernere il latte al momento giusto è strettamente connesso alla produzione dell'organismo e regolamento della serotonina dell'ormone,„ ha detto il Cavallerizzo del Nelson, PhD, dell'Università di Cincinnati e del co-author dello studio. “Le droghe antideprimenti Comuni gradiscono la fluoxetina, la sertralina e la paroxetina sono conosciute come le droghe selettive dell'inibitore di ricaptazione (SSRI) della serotonina e mentre possono pregiudicare l'umore, l'emozione e sonno che possono anche urtare il regolamento della serotonina nel petto, collocante le nuove madri al maggior rischio di mora nell'istituzione di un'offerta di latte completa.„

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato gli effetti delle droghe di SSRI su lattazione facendo uso delle ricerche di laboratorio delle linee cellulari umane ed animali e geneticamente hanno modificato i mouse. Ancora, uno studio d'osservazione ha valutato l'impatto delle droghe di SSRI sull'inizio di produzione di latte in donne successive al parto. In questo studio di 431 donna successiva al parto, l'inizio mediano di lattazione era successivo al parto 85,8 ore per le madri SSRI-trattate e di 69,1 ore per le madri non curate con le droghe di SSRI. I Ricercatori definiscono comunemente l'attivazione secretiva in ritardo come accadendo più successivamente successivo al parto di 72 ore.

“Le droghe di SSRI sono farmaci molto utili per molte mamme, in modo da capire e migliorare l'esperienza delle mamme delle difficoltà possono aiutarli per raggiungere i loro scopi per l'allattamento al seno dei loro bambini,„ ha detto il Cavallerizzo. “La ricerca Più umana è necessaria prima che possiamo fare le raccomandazioni specifiche per quanto riguarda uso di SSRI durante l'allattamento al seno.„

Sorgente: La Società Endocrina