Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'ormone dell'ossitocina migliora il comportamento sociale in pazienti autistici

L'autismo è una malattia caratterizzata dalle difficoltà nella comunicazione efficacemente con altre gente e relazioni sociali di sviluppo. Il gruppo piombo da Angela Sirigu al centro de la Neuroscience Cognitive (il CNRS) ha indicato che l'inalazione dell'ossitocina, di un ormone conosciuto per promuovere le obbligazioni dell'madre-infante e le relazioni sociali, ha migliorato significativamente le capacità dei pazienti autistici di interagire con altre persone.

Per raggiungere questo, i ricercatori hanno amministrato l'ossitocina a 13 pazienti autistici e poi che hanno osservato che il loro comportamento sociale durante le partite a baseball e durante le prove visive ha progettato per identificare la capacità di riconoscere le fronti di taglio che esprimono le sensibilità differenti. I loro risultati, pubblicati in PNAS il 15 febbraio 2010, così rivelano il potenziale terapeutico dell'ossitocina di trattare i disordini sociali da cui i pazienti autistici soffrono.

L'ossitocina è un ormone che promuove la consegna e la lattazione. Svolge un ruolo cruciale nel miglioramento del comportamento sociale ed emozionale. Gli studi precedenti che hanno misurato i livelli di questo ormone nel sangue dei pazienti hanno indicato che era carente in quelli con autismo.

Il gruppo piombo da Angela Sirigu al centro de la Neuroscience Cognitive a Lione ha avanzato così l'ipotesi che un deficit in questo ormone potrebbe essere implicato nei problemi sociali sperimentati dagli oggetti autistici. Il gruppo, lavorante in collaborazione con Dott. Marion Leboyer a Hôpital Chenevier in Créteil, esaminato se l'amministrazione dell'ossitocina potrebbe migliorare il comportamento sociale di 13 persone con autismo o (HFA) la sindrome di Asperger difunzionamento (AS). In entrambi questi moduli di autismo, i pazienti conservano le abilità intellettuali e linguistiche normali ma non possono impegnarsi spontaneamente nelle situazioni sociali. Quindi, durante la conversazione, questi pazienti girano le loro teste ed evitano il contatto oculare con l'altra gente.

In primo luogo, i ricercatori hanno osservato il comportamento sociale dei pazienti mentre stavano interagendo con altre tre genti durante la palla che lanciano la cacciagione. Tre profili sono stati rappresentati: un giocatore che ha restituito sempre la palla al paziente, ad un giocatore che non hanno restituito la palla e definitivo ad un giocatore che ha restituito indiscriminante la palla al paziente o ad altri giocatori. Ogni volta il paziente ha ricevuto la palla, lui o lei ha estratto una somma di denaro. La cacciagione è stata ricominciata dieci volte per permettere che il paziente identifichi di conseguenza i profili differenti del suo partner ed atto. Sotto un placebo, i pazienti hanno restituito indiscriminante la palla ai tre partner. Tuttavia, i pazienti curati con l'ossitocina potevano discriminare fra i profili differenti ed hanno restituito la palla al partner più cooperativo.

Gli scienziati egualmente hanno misurato il grado dei pazienti di attenzione ai segnali sociali chiedendo loro per esaminare la serie di fotografie delle fronti di taglio. Sotto un placebo, i pazienti hanno guardato la bocca o a partire dalla foto. Ma dopo l'inalazione dell'ossitocina, i pazienti video un di più alto livello di attenzione agli stimoli facciali: hanno esaminato le fronti di taglio ed effettivamente era anche possibile vedere un aumento nel numero di volte che hanno esaminato specificamente gli occhi delle fronti di taglio nelle fotografie.

Durante queste prove, gli scienziati egualmente hanno verificato questi effetti comportamentistici misurando i livelli fisiologici dell'ossitocina del plasma prima e dopo le inalazioni nasali. Prima delle inalazioni, i livelli dell'ossitocina del plasma erano molto bassi, ma sono aumentato dopo un'assunzione dell'ormone.

I risultati di queste prove hanno indicato così che l'amministrazione dell'ossitocina ha permesso che i pazienti autistici regolassero al loro contesto sociale identificando i comportamenti differenti video da quelli intorno loro e poi che hanno agito di conseguenza, dimostrando la più fiducia nelle persone il più socialmente cooperative. L'ossitocina egualmente ha diminuito il loro timore di altri ed ha promosso le relazioni sociali più vicine.

Ciò è uno dei primi studi dimostrare un effetto terapeutico potenziale per l'ossitocina sui deficit sociali nell'autismo. Evidentemente, le variazioni fra le persone sono state osservate in termini di loro risposta al trattamento ed i ricercatori hanno riconosciuto l'importanza e la necessità per continuare questo lavoro. In particolare studieranno gli effetti a lungo termine dell'ossitocina sul miglioramento dei disordini viventi di ogni giorno dei pazienti autistici e la sua efficacia ad una fase iniziale della malattia.

Source:

Centre de Neuroscience Cog