Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Rischio di forma ereditaria di cancro intestinale: preparazione Nuovi di omega-3 mantiene la speranza

Un nuovo allestimento di un acido omega-3 polinsaturi grassi che si trovano naturalmente nei pesci, offre speranza per migliaia di pazienti a rischio di sviluppare una forma ereditaria di cancro intestinale, un nuovo studio mostra.

Un team di ricercatori, guidato dal professor Mark Hull presso l'Università di Leeds, ha studiato pazienti con diagnosi di una rara condizione ereditaria chiamata FAP (poliposi adenomatosa familiare), ritenuto responsabile di circa un caso ogni 100 tumori intestinali.

Gli scienziati hanno osservato una significativa riduzione delle dimensioni e del numero di pre-cancerose crescite, noto come polipi, durante un processo sei mesi dell'anno omega-3 di preparazione.

Ora il professor Hull e il suo team dire che sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire se questo nuovo agente, l'EPA (acido eicosapentaenoico) potrebbe aiutare a prevenire la non-forma ereditaria di cancro intestinale, che è il terzo tumore più comune nel Regno Unito, diagnosticata nel circa 37.000 persone ogni anno.

FAP provoca un gran numero di polipi per formare nel rivestimento dell'intestino crasso. I pazienti di solito sottoposti a chirurgia intestinale, ma restano a rischio di sviluppare polipi e del cancro, in ogni intestinale rimanente in modo da regolare endoscopica (prova della fotocamera) i controlli sono obbligatori.

Professore Hull ha dichiarato: "Una terapia sicura ed efficace può ridurre il numero di procedure invasive check-up, che può essere sgradevole e comportano sempre una piccola quantità di rischio.

"C'è sicuramente una necessità clinica di un efficace, la terapia preventiva che sia sicuro e ben tollerato come terapia farmacologica esistente per FAP può essere associato ad un aumentato rischio di infarto in soggetti più grandi," ha aggiunto.

Lo studio, finanziato dalla SLA Pharma AG, è stata una collaborazione tra ricercatori del Leeds Institute of Molecular Medicine, St James University Hospital di Leeds, San Marco London Hospital, Ospedale San Giorgio, Londra e Sant'Orsola-Malpighi, Bologna.

Durante uno studio randomizzato, controllato con placebo, il team ha osservato la condizione di 55 pazienti con più di sei mesi. Ventotto pazienti è stato somministrato 2 grammi al giorno di una nuova formulazione altamente purificata di acido EPA omega-3 polinsaturi (chiamato Alfa). I ricercatori hanno osservato una significativa riduzione del numero e le dimensioni dei polipi in questo gruppo, mentre il gruppo placebo ha mostrato un aumento del numero di polipi e le dimensioni nello stesso periodo.

"La preparazione particolare di EPA che abbiamo utilizzato fornisce circa quattro volte tanto benefico acido grasso polinsaturo al giorno come è derivata dal mangiare 2-3 porzioni di pesce alla settimana. Il farmaco è inoltre progettato per essere rilasciato nell'intestino tenue, riducendo al minimo la nausea alitosi e spesso associata a prendere over-the-counter supplementi di olio di pesce ", ha detto il professor Hull.

Ulteriori ricerche sono ora necessari per verificare se il nuovo preparato è un trattamento sicuro ed efficace per il gran numero di pazienti che si trovano ad avere polipi intestinali asintomatici e che sono ad aumentato rischio futuro di recidiva dei polipi e del cancro intestinale.

Circa l'85 per cento delle persone con diagnosi di cancro intestinale sono di età superiore ai 60 anni. Il Dipartimento della Salute ha introdotto un programma di screening per quelli di età compresa tra 60 e 75 e gli anziani possono richiedere di essere stati ripresi tramite il loro medico di base.

http://www.limm.leeds.ac.uk/research_sections/molecular_gastroenterology/