Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le persone affette da vitiligine possono avere meno rischio di sviluppare melanoma maligno: Ricerca

Le persone con la pigmentazione della pelle disturbo vitiligine possono avere meno rischio di sviluppare pericolose per la vita melanoma maligno, secondo una nuova ricerca. Lo studio ha anche conferma ulteriormente il sospetto che la vitiligine è una malattia autoimmune, che si verificano quando il sistema immunitario reagisce contro i propri tessuti o organi. Questo potrebbe portare a nuovi trattamenti per la vitiligine.

La vitiligine è una malattia cronica che colpisce uno ogni 200 persone. Lo studio - pubblicato oggi online dal New England Journal of Medicine - argomenta contro la teoria che le patch pelle pallida causata da vitiligine aumentare il rischio di melanoma a causa della loro mancanza del pigmento melanina. Melanina dà il suo colore della pelle, e protegge contro i dannosi raggi UV del sole.

Mentre la vitiligine è pensato per essere in parte innescata da fattori ambientali e stili di vita, la causa è nota anche per avere un elemento genetico. Il San Giorgio, dell'Università di squadra Londra e colleghi della University of Colorado School of Medicine hanno scoperto che una variante comune del gene della tirosinasi (TYR) aumenta la suscettibilità vitiligine. Questa variante era già noto per dare una ridotta sensibilità al melanoma.

Prof. Dot Bennett, che ha guidato la squadra di San Giorgio, ha dichiarato: "Anche se questo può fornire qualche consolazione per le persone con vitiligine, dovrebbero comunque stare attenti al sole Come sanno, scottature in fretta, e un minor rischio di cancro doesn '. t media zero ".

Settanta per cento della popolazione ha la variante che aumenta la possibilità di vitiligine e riduce il rischio di melanoma. Il restante 30 per cento hanno un'altra variante che aumenta il rischio di melanoma, ma diminuisce la probabilità di vitiligine. Anche se ognuno ha una delle due varianti, né garantisce la vitiligine o melanoma effettivamente svilupparsi. Allo stesso modo, non garantisce la protezione, e ci sono altri geni che TYR che possono innescare sia melanoma e vitiligine.

I reperti provenivano da un genoma studio di associazione - un esame di variazione tra il patrimonio genetico completo compongono - di 1.514 con vitiligine, con un gruppo di controllo di 2.813 persone senza la malattia. Ricercatori hanno testato 579.146 polimorfismi a singolo nucleotide - varianti piccolo nella sequenza del DNA - per qualsiasi forma di associazione con vitiligine.

Prof Bennett ha aggiunto che lo studio ha inoltre confermato la convinzione che la vitiligine è una malattia autoimmune. I ricercatori hanno sette geni legati alla vitiligine che erano già associate a malattie autoimmuni come il diabete infantile, artrite reumatoide e lupus. Due sono stati identificati altri geni che sono associati con vitiligine e con il sistema immunitario, anche se non collegati ad alcun altra malattia.

Prof Bennett ha aggiunto: "Un altro motivo le scoperte sono importanti è che ci sono ancora alcuni ricercatori vitiligine che non sono convinti della importanza del sistema immunitario Come nove su dieci dei nuovi geni risultato essere associato con vitiligine sono connessi con il. sistema immunitario, comincia davvero ad essere impossibile non credere che l'immunità è importante in questo disturbo.

"Questo dà nuovo supporto di una vecchia idea, che il nostro sistema immunitario può aiutarci a non avere il cancro, uccidendo le cellule tumorali potenziali prima di iniziare.

"Ciò sottolinea anche l'idea che il successo del trattamento è probabile che includono un elemento di calmare la risposta immunitaria. La mia previsione è che la combinazione di questo con qualcosa per rendere le cellule del pigmento rimanenti dividono più velocemente, a compilare il macchie bianche, è quella che funziona meglio ".

http://content.nejm.org/cgi/content/full/NEJMoa0908547