Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Più Su il livello di colesterolo di sangue, maggior il rischio di aterosclerosi: Studio

Oltre a colesterolo cristallizzato, le placche aterosclerotiche non contengono sempre un gran quantità di celle immuni ma, sorprendente, batteri o virus. Era precedentemente poco chiaro appena come le proprie forze di difesa dell'organismo sono chiamate in atto. Anche gli animali che sono tenuti in un ambiente assolutamente sterile possono soffrire “dall'ostruzione„ o “dal furring„ delle arterie quando il loro alimento contiene gli alti livelli di colesterolo. La stessa relazione è trovata in esseri umani. Il livello elevato del colesterolo di sangue, maggior il rischio di aterosclerosi e maggior la probabilità di sofferenza dell'attacco di cuore. “Abbiamo conosciuto a lungo questo„, precisiamo il Professor il Dott. Eicke Latz dall'Università di Bonn, “ma nessuno capito esattamente perché„.

Il Professor Latz sta esplorando questo problema in collaborazione con il Dott. Peter Düwell da LMU Monaco Di Baviera, il Professor Veit Hornung, anche dall'Università di Bonn e dai colleghi della ricerca basati negli STATI UNITI. I ricercatori sono riuscito per la prima volta ad identificare il grilletto molecolare per infiammazione in grandi vasi sanguigni. “Abbiamo trovato che, dato certo tipo di nutrizione, gli a cristallo del colesterolo sono depositati relativamente nelle pareti arteriose dopo un periodo ridotto„, diciamo il Dott. Düwell. “Questi a cristallo poi sono presi dalle celle dell'organismo saprofago del sistema immunitario„. Ciò si trasforma nel segnale d'uscita per una reazione a catena catastrofica. L'alimento non sano provoca la capitalizzazione dei cristalli del colesterolo che attivano un complesso “inflammasome„ all'interno delle celle dell'organismo saprofago. Una delle funzioni di questo complesso della multi-proteina è di indurre la versione dei mediatori infiammatori. I mediatori poi attirano le celle sempre più immuni verso il sito in cui il problema sta accadendo. L'invasione crescente infine destabilizza le pareti dell'imbarcazione - con le conseguenze potenzialmente pericolose.

Gotta nelle arterie

“I trattamenti Molto simili sono osservati con i casi della gotta„, spiega il Professor Latz, “sebbene quello pricipalmente si presenti nelle giunture„. Gli attacchi Estremamente dolorosi della gotta possono anche essere avviati da una dieta non sana. Questa volta tuttavia, il colpevole è acidi non grassi ma nucleici da, per esempio, tessuto del muscolo (carne). L'acido urico formato nel trattamento di digestione poi cristallizza. Questi cristalli possono liberare una reazione infiammatoria potente.

Il Professor Latz recentemente è stato reclutato dall'Università di Bonn dopo il lavoro dei dieci anni nella ricerca di base negli Stati Uniti. Qui, dirige il nuovo Istituto per Immunità Innata (für Angeborene Immunität di Institut), che ha un fuoco della ricerca sui meccanismi immuni che causano le reazioni infiammatorie. Il sistema immunitario innato fa parte del proprio meccanismo di difesa dell'organismo e può rispondere rapido e direttamente ad una serie di segnali di allarme che compaiono nell'ambiente del tessuto. Questi grilletti non solo includono i virus, i batteri ed i funghi ma anche determinati cristalli ed altre sostanze che si presentano durante le infezioni nelle situazioni di sforzo. La concentrazione del sistema immunitario innato è che può rispondere molto rapidamente alle situazioni che sono del pericolo al host. Il problema, tuttavia, è che può anche oltrepassare il segno. Questo tipo di reazione eccessiva inoltre è veduto nel caso delle pneumoconiosi quale il polmone nero, una malattia che pregiudica frequentemente i minatori. In queste affezioni polmonari, una reazione infiammatoria cronica è avviata dai cristalli inalati fatti dei silicati o dell'amianto. I meccanismi molecolari del riconoscimento di cristallo sono simili a quelli avviati dai cristalli del colesterolo in vasi sanguigni.

Punto di partenza Per sviluppare le nuove droghe

C'è ancora un pezzo della mancanza del puzzle di che i ricercatori hanno bisogno per completare il quadro generale. “Non sappiamo precisamente i cristalli del colesterolo attivano il inflammasome„, diciamo il Professor Latz. I risultati di questo studiano tuttavia, offrono alcuni punti di partenza per sviluppare le nuove terapie farmacologiche. Attualmente, gli statins sono ampiamente usati nella terapia. Gli Statins diminuiscono la sintesi di endogeno - cioè il colesterolo di produzione propria dell'organismo e diminuiscono il rischio di attacco di cuore o di colpo, ma non possono inibire l'assorbimento di colesterolo da un dieta.

I Preventivi dall'Organizzazione mondiale della sanità hanno messo il numero della gente ora che muore dalle malattie cardiovascolari a quasi 17 milioni all'anno. Ciò significa che uno in quattro morti universalmente è causato da aterosclerosi.

Sorgente: http://www3.uni-bonn.de/