La terapia di vitamina D della alto-dose di manifestazioni di studio può aumentare il rischio di frattura in donne anziane

Le donne invecchiano 70 anni o più vecchio chi hanno ricevuto una singola dose elevata annuale della vitamina D ha avuta un'più alta tariffa delle cadute e le fratture hanno confrontato alle donne che hanno ricevuto il placebo, secondo uno studio nell'emissione del 12 maggio del JAMA.

I risultati degli studi che studiano gli effetti del cholecalciferol (il completamento della vitamina D) sulle cadute e sulle fratture è stato contradditorio, con alcune meta-analisi che indicano un rischio diminuito di frattura, mentre altri hanno concluso che il completamento di vitamina D è inefficace, o possono aumentare il rischio di frattura. Per le persone che tentano di modificare il loro rischio di cadute o di fratture via la vitamina D, l'aderenza al completamento quotidiano è in genere povera, secondo informazioni di base nell'articolo.

Kerrie M. Sanders, Ph.D., dell'università di Melbourne, Geelong, l'Australia e colleghi ha intrapreso gli studi per esaminare se il cholecalciferol della alto-dose (500.000 IU) dato oralmente una volta all'anno alle donne più anziane diminuirebbe le cadute e le fratture. La vitamina D si è arresa un singolo, la alto-dose ad aderenza bassa di indirizzo ed essere un intervento pratico tradotto facilmente a pratica clinica. La prova ha incluso 2.256 donne dell'comunità-abitazione, le età 70 anni o più vecchi, considerato essere ad ad alto rischio della frattura, che sono stati reclutati dal giugno 2003 al giugno 2005 ed a caso sono stati definiti per ricevere 500.000 IU del cholecalciferol o del placebo ogni autunno all'inverno per 3 - 5 anni. Lo studio conclusivo nel 2008.

I partecipanti di prova hanno avuti complessivamente 5.404 cadute durante il periodo di studio, con 74 per cento di 837 donne nel gruppo di vitamina D e 68 per cento di 769 donne nel gruppo del placebo che ha almeno 1 caduta. L'analisi ha indicato che le donne nel gruppo annuale di vitamina D della alto-dose hanno avvertito 15 per cento più cadute. Le donne nel gruppo di vitamina D hanno avute 171 frattura contro 135 nel gruppo del placebo, con 26 per cento più fratture per i partecipanti al gruppo di vitamina D, che egualmente ha avuto un'incidenza più d'altezza 31 per cento delle cadute nei primi 3 mesi che seguono il dosaggio.

“Questo è il primo studio per dimostrare il rischio aumentato di cadute connesse con tutto l'intervento di vitamina D ed il secondo studio per dimostrare un rischio aumentato di frattura connesso con la terapia annuale di vitamina D della alto-dose in donne anziane. Il nostro studio ha utilizzato la più grande dose annuale totale della vitamina D (500.000 IU) riferita in tutta la grande prova controllata ripartita con scelta casuale, sollevante la possibilità che il risultato avverso è relativo alla dose. I risultati avversari di 2 studi che hanno usato la stessa dose annuale totale (300.000 IU intramuscolarmente) suggeriscono che il regime di dosaggio (cioè, 4 mensili contro annualmente) piuttosto che la dose totale potrebbe determinare il risultato,„ gli autori scrivono.

“Questa riga di ragionamento è supportata dal reticolo temporale di rischio che abbiamo osservato ed il fatto che il danno non è stato riferito nei numerosi studi che hanno usato il dosaggio più frequente. Quindi, è ragionevole speculare che i livelli elevati del siero della vitamina D o dei metaboliti derivando dalla grande dose annuale, diminuzione successiva nei livelli, o entrambe potrebbero essere causali. Ancora, perché i livelli di hydroxycholecalciferol 25 dimostrato in questo studio potrebbero accadere con altro raccomandato dosare i regimi, il risultato di questo studio suggerisce che la sicurezza delle cedole del completamento di vitamina D della alto-dose avanzi lo studio.„

Source:

JAMA