Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ventilazione ad alta frequenza per i bambini prematuri appena come efficaci

Un'università di studio di Sydney sulle strategie di ventilazione ha indicato che la ventilazione oscillatoria ad alta frequenza (HFOV) per i bambini prematuri dà gli stessi risultati della ventilazione convenzionale (CV).

I risultati sono riferiti in giornale principale The Lancet di scienza medica, in un articolo scritto dal Dott. Filip Cools, unità di cure intensive neonatale, da Universitair Ziekenhuis Brussel e da Vrije Universiteit Brussel, Belgio; Il Dott. Lisa Askie dai test clinici di NHMRC concentra, università di Sydney; e colleghi dalla collaborazione di PreVILIG.

Con HFOV, i polmoni sono gonfiati continuamente e “oscilli„ molto ad un tasso alto (600 - 900 al minuto) facendo uso di variazioni di volume molto piccole. La ventilazione convenzionale imita la respirazione spontanea con inflazione-deflazione ripetuta dei polmoni ad una tariffa fisiologica di 30 - 60 respiri al minuto.

Le differenze in popolazioni studiate e nella progettazione di studio ha reso le meta-analisi degli studi di ventilazione difficili, piombo all'incertezza circa l'efficacia e la sicurezza di HFOV elettivo in infanti prematuri. In questo studio, gli autori di quelle prove si sono riuniti nella collaborazione di PreVILIG per rivalutare i dati originali e per permettere una nuova meta-analisi.

Questi nuovi esame e meta-analisi sistematici hanno esaminato 3229 partecipanti a 10 hanno ripartito le probabilità sulle prove controllate, con i risultati primari che sono morte o displasia broncopolmonare all'età postmenstrual di 36 settimane, morte o evento neurologico avverso severo, o qualcuno di questi risultati. Gli autori non hanno trovato differenza in qualcuno di questi risultati fra le due tecniche di ventilazione, anche quando gli infanti sono stati categorizzati tramite l'età gestazionale, il peso alla nascita per la gestazione, la severità iniziale di affezione polmonare, o l'esposizione a trattamento con corticosteroidi prenatale. Né il tipo o la strategia del ventilatore ha avuta tutto l'effetto su risultato del trattamento.

Gli autori dicono: “La nostra meta-analisi di diversi dati pazienti suggerisce quel HFOV elettivo in infanti prematuri, rispetto a ventilazione convenzionale, è ugualmente efficace nella prevenzione di displasia broncopolmonare senza essere associata con la mortalità o la lesione cerebrale aumentata.„

Aggiungono che le prove successive dovrebbero studiare le emissioni quale la sincronizzazione ottimale dell'amministrazione del tensioattivo in infanti su HFOV e di altri ruoli possibili per HFOV nel trattamento della sindrome di emergenza respiratoria - per esempio, in quegli infanti che non rispondono a supporto respiratorio non invadente iniziale.

In un commento collegato, il Dott. Richard B Parad dal dipartimento di medicina neonata alla facoltà di medicina di Harvard, dice che lo studio indica che non c'è chiaro vantaggio o danno di HFOV, in base a questo nuovo metodo di analisi statistica (meta-analisi paziente determinata di dati). Aggiunge questo permette che i clinici usino HFOV alla loro discrezione poichè la sicurezza sia più affermata, ma che tale uso di HFOV non può essere detto per offrire un vantaggio basato su questa analisi.