Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I risultati quadriennali di seguito dallo studio di fase 3 di SPRYCEL in CML-CP hanno presentato a ASCO

Società di Bristol-Myers Squibb (NYSE: BMY) e Otsuka Co. farmaceutico, la srl oggi ha annunciato i risultati quadriennali di seguito da una fase 3 ripartita con scelta casuale, dal aperto contrassegno, studio di dose-ottimizzazione di SPRYCEL® (dasatinib) nei pazienti cronici di leucemia mieloide di cronico-fase (CML-CP) resistenti o intolleranti a Gleevec®* (mesylate del imatinib). A quattro anni, dato che tutti i pazienti hanno amministrato mg di SPRYCEL 100 una volta quotidiano, la sopravvivenza globale era 82% (ci di 95%: 76%-88%) e la sopravvivenza senza progressione era 66% (ci di 95%: 57%-74%).

“Come un ricercatore e clinico, trovo questi risultati per essere molto incoraggiante.„

Questi dati sono stati presentati alla riunione annualeth 46 della società americana dell'oncologia clinica (ASCO) in Chicago. (#6512 astratto)

I dati quadriennali della sicurezza da questo studio sono coerenti con il profilo di sicurezza una volta giornalmente precedentemente riferito di mg di SPRYCEL 100. I dati a lungo termine da questo studio egualmente hanno dimostrato che gli eventi avversi con mg di SPRYCEL 100 si sono presentati una volta giornalmente soprattutto entro i primi 24 mesi del trattamento.

“Questi quattro anno-dati per SPRYCEL nella regolazione del secondo line aggiungono al nostro corpo di conoscenze crescente di questo farmaco ed il trattamento di CML complessivo,„ ha detto lo scià di Neil, il MD, il PhD, l'assistente universitario, la divisione dell'ematologia/oncologia, l'università di California, San Francisco ed il ricercatore principale dello studio. “Come un ricercatore e clinico, trovo questi risultati per essere molto incoraggiante.„

Source:

 Bristol-Myers Squibb and Otsuka Pharmaceutical Co., Ltd.