Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuova visione della trasmissione delle malattie da prioni

Le Malattie da prioni sono disordini neurodegenerative letali che comprendono il Morbo di Creutzfeldt-Jakob (CJD) in esseri umani ed encefalopatia spongiforme bovina (EBS; conosciuto comunemente come malattia della mucca pazza) in mucche. Un gruppo dei ricercatori, piombo da Adriano Aguzzi e da Christina Sigurdson, a Universit-tsSpital Ricco di z, la Svizzera, ha generato i dati in mouse che forniscono la maggior comprensione dei fattori che determinano quanto facile sono affinchè le malattie da prioni fossero trasmessi specie alle nuove ospite. Questi informazioni forniscono la nuova comprensione in un'emissione altamente importante di sicurezza alimentare; l'esposizione dietetica al manzo contaminato con l'agente di EBS è creduta per causare quasi 200 casi della variante CJD in esseri umani.

L'agente infettante chiave nelle malattie da prioni è PrPSc, un modulo altamente cumulato della proteina cellulare del prione (PrPC). La facilità con cui i prioni dalle specie differenti possono essere trasmessi specie alle nuove ospite varia drammaticamente. Il gruppo ha trovato che la trasmissione fra le specie con la stessa particella elementare della proteina alla posizione 170 in PrPC era relativamente facile mentre era relativamente difficile fra quelle specie con differenti particelle elementari a quella posizione. Poichè questa particella elementare della proteina influenza la struttura della proteina di PrPC, gli autori suggeriscono che la struttura locale di PrPC abbia pregiudicato dalla particella elementare della proteina alla posizione 170 potrebbe avere un ruolo d'avviamento nel transmissibility del prione fra le specie differenti.

Sorgente: Giornale di Ricerca Clinica