Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Dott. John Goss degli unire di St Luke nella celebrazione della sua 1,000th procedura di trapianto del fegato

L'ospedale episcopale di St Luke (St Luke) unisce John Goss, M.D., nella celebrazione della sua pietra miliare come recentemente ha eseguito la sua procedurath di trapianto di 1.000 fegati. Il più grande programma del trapianto del fegato nel centro medico di fama mondiale del Texas di Houston, St Luke esegue annualmente circa 75 trapianti del fegato. Ulteriormente, il tasso di sopravvivenza del trapianto del fegato di St Luke è il più alto nella nazione, con un tasso di sopravvivenza paziente adulto di un anno di 96,5 per cento confrontati al tasso di sopravvivenza previsto cittadino di 89,38 per cento.

“Ringrazio il Dott. Goss per il suoi supporto e dedica inesorabili nella fornitura della sanità migliore per gli eroi della nostra nazione.„

Gli interessi clinici del Dott. Goss si trovano nelle aree delle affezioni epatiche adulte e pediatriche. Il Dott. Goss ha realizzato i primi fegati pediatrici di spaccatura e le operazioni erogarici viventi adulte nell'area di Houston. Corrente, servisce da Direttore dei programmi del trapianto del fegato all'ospedale episcopale di St Luke, all'ospedale pediatrico del Texas ed al centro medico dell'amministrazione di veterani di Michael E. DeBakey.

“Questa realizzazione professionale è un testamento all'impegno del Dott. Goss e la dedica al campo del trapianto e dei noi del fegato lo unisce in questa pietra miliare,„ dice l'aumento J. Stribling, M.D., Direttore medico del programma del trapianto del fegato di St Luke. “Sono estremamente fiero del gruppo della direzione del trapianto di St Luke. Ogni professionista esemplifica la professionalità e la vasta competenza, di cui tutt'e due sono marchi di garanzia di riuscito programma del trapianto.„

“Il programma di Michael E. DeBakey VA il Medical Center per il trattamento dell'affezione epatica nella popolazione del veterano è fra il più avanzato nel paese. Talenti chirurgici unici di Dott. John Goss, il suo gruppo all'ospedale episcopale di St Luke ed il programma che eccezionale del trapianto del fegato ha stabilito qui ha tutti giocati un ruolo fondamentale nel suo successo,„ ha detto David H. Berger, M.D., M.H.C.M., la riga dirigente operativa di cura di Michael E. DeBakey VA Medical Center. “Ringrazio il Dott. Goss per il suoi supporto e dedica inesorabili nella fornitura della sanità migliore per gli eroi della nostra nazione.„

Il gruppo del trapianto del fegato a St Luke include sei hepatologists - ciascuno certificato dal quadro americano di medicina interna nella medicina interna, la gastroenterologia e epatologia e trapianto del fegato. Il loro approccio pluridisciplinare è completo, di collaborazione e personale - tutti gli elementi critici nel tentare d'ottenere i risultati migliori ed il più di alta qualità di vita per i pazienti. I pazienti di trapianto del fegato di St Luke traggono giovamento tipicamente dalla più breve degenza in ospedale possibile e dalle tariffe basse di ri-trapianto e di complicazione, che sono indicatori chiave del successo di un programma. Inoltre, la tariffa del gruppo di riusciti trapianto e bassa frequenza di ri-trapianto supera le medie nazionali.

L'errore di fegato può derivare dalle emissioni di salubrità, quali epatite B e C, epatite autoimmune, la cirrosi, la cirrosi alcolica, la cirrosi biliare primaria, cirrohosis criptogeno, choalangitis sclerotico primario, carcinoma epatocellulare, la malattia di Wilson, hemochromatosis primario, steatohepatitis non alcolico (NASH), sindrome di Chiari, insufficienza epatica acuta e malattia metabolica.

Source:

 St. Luke's Episcopal Health System