Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I redditi totali del secondo trimestre di Regeneron aumentano a $115,9 milioni

Regeneron Pharmaceuticals, Inc. (Nasdaq: Finanziario annunciato e risultati dell'esercizio di REGN) per il secondo trimestre di 2010.  La società ha riferito una perdita netta di $25,5 milioni, o $0,31 per azione (di base e diluita), dato che il secondo trimestre di 2010 ha paragonato ad una perdita netta di $14,9 milioni, o di $0,19 per azione (di base e diluita), per il secondo trimestre di 2009.  La società ha riferito una perdita netta di $56,0 milioni, o $0,69 per azione (di base e diluita), dato che i sei mesi hanno cessato il 30 giugno 2010 rispetto ad una perdita netta di $30,3 milioni, o $0,38 per azione (di base e diluita), per lo stesso periodo nel 2009.

Regeneron ed Astellas Pharma Inc. ha annunciato che Astellas ha esteso fino al 2023 il contratto di licenza no ecclusivo che permette che Astellas utilizzi la tecnologia del VelocImmune® di Regeneron nei sui programmi di ricerca interni per scoprire i candidati completamente umani del prodotto dell'anticorpo monoclonale.  Astellas pagherà $165,0 milioni aperti ed altri $130,0 milioni nel giugno 2018 a meno che termini l'accordo prima di quella data.  Sopra la commercializzazione di tutti i prodotti dell'anticorpo scoperti utilizzando VelocImmune®, Astellas pagherà alla società una sovranità della mezzo singolo cifra sulle vendite del prodotto.

Al 30 giugno 2010, i contanti, i contanti limitati ed i valori mobiliari hanno ammontato a $380,2 milioni rispetto a $390,0 milioni al 31 dicembre 2009.  La società corrente stima che i contanti di fine d'anno 2010, i contanti limitati ed i valori mobiliari, compreso il pagamento $165,0 milioni da Astellas, ammontino a $425 - $445 milioni.

Valorizzazioni dell'attività correnti

ARCALYST® (rilonacept) - CAPPUCCI

Le vendite nette del prodotto dell'iniezione di ARCALYST® per uso sottocutaneo nel secondo trimestre di 2010 erano $5,2 milioni, confrontato a $4,5 milioni durante lo stesso periodo di 2009.  La società ha riconosciuto $15,0 milioni di vendite nette del prodotto durante i primi sei mesi di 2010, che hanno incluso $10,2 milioni di vendite del prodotto del netto di ARCALYST® fatte durante la prima metà di 2010 e $4,8 milioni di vendite nette precedentemente rinviate del prodotto, come “risultati finanziari di sotto descritti qui sotto.„  Nei primi sei mesi di 2009, la società ha riconosciuto $8,4 milioni di vendite del prodotto del netto di ARCALYST®.  

ARCALYST® è disponibile per la prescrizione negli Stati Uniti per il trattamento delle sindromi periodiche Cryopyrin-Associate (CAPS), compreso la sindrome Automatico-infiammatoria fredda familiare (FCAS) e la sindrome di Muckle-Wells (MWS) in adulti ed in bambini 12 e più vecchio.  ARCALYST® è una proteina di fusione che blocca la citochina interleukin-1 (IL-1).  I CAPPUCCI è un gruppo di circostanze rare, ereditate, automatico-infiammatorie caratterizzate da tutta la vita, di sintomi ricorrenti dell'eruzione, di febbre/freddi, di dolore unito, di rossore dell'occhio/dolore e di fatica.

ARCALYST® (rilonacept) - gotta

ARCALYST® è in un programma di sviluppo clinico di fase 3 per la prevenzione dei chiarori di gotta in pazienti che iniziano la terapia d'abbassamento urica.  Nel giugno 2010, la società ha annunciato che uno studio di fase 3 (chiamato PRE-SURGE 1) nei pazienti di gotta che iniziano la terapia di allopurinol per abbassare i loro livelli dell'acido urico ha indicato che ARCALYST® ha impedito gli attacchi di gotta, come misurato dal punto finale primario di studio del numero della gotta si svasa per paziente durante il periodo del trattamento di 16 settimane.  I pazienti che hanno ricevuto ARCALYST® ad una dose settimanale, autosomministrata, sottocutanea di 160 milligrammi (mg) hanno avuti una diminuzione di 80% nel numero medio dei chiarori di gotta confrontati al gruppo del placebo durante il periodo del trattamento di 16 settimane (0,21 chiarori contro 1,06 chiarori, p<0.0001).  I pazienti che hanno ricevuto ARCALYST® ad una dose settimanale di 80 mg hanno fatti una diminuzione di 73% confrontare al gruppo del placebo (0,29 chiarori contro 1,06 chiarori, p<0.0001).  

Tutti i punti finali secondari dello studio erano altamente positivi (p<0.001 contro placebo).  Fra questi punti finali secondari, il trattamento con ARCALYST® ha ridotto la percentuale di pazienti che hanno sperimentato due o più chiarori durante il periodo di studio di fino a 88% (3,7% con mg di ARCALYST® 160, 5,0% con mg di ARCALYST® 80 e 31,6% con placebo, p<0.0001).  Inoltre, il trattamento con ARCALYST® ha diminuito la percentuale di pazienti che hanno sperimentato almeno un chiarore di gotta durante il periodo di studio da fino a 65% (16,3% con mg di ARCALYST® 160, 18,8% con, mg di ARCALYST® 80 e 46,8% con placebo, p<0.001).

Complessivamente 241 paziente è stato ripartito con scelta casuale in PRE-SURGE 1, ad una prova alla cieca basata a america del nord, a studio controllato a placebo.  ARCALYST® era generalmente buono tollerato senza gli eventi avversi seri relazionati con la droga riferiti.  La reazione del sito iniezione, generalmente considerata delicata, era l'evento avverso il più comunemente riferito con ARCALYST®.

Inoltre, nel giugno 2010, la società ha riferito i risultati da un controllato a placebo, studio di fase 3 (chiamato SURGE) in pazienti che presentano con un chiarore acuto di gotta.  I risultati di questo studio hanno indicato che non c'era vantaggio significativo dalla combinazione del ARCALYST® con l'indometacina (una droga antinfiammatoria non-sterodial ha considerato il livello di cura), come misurato dal punto finale primario di studio dell'intensità media di dolore di gotta da 24 a 72 ore dopo l'inizio del trattamento.  I pazienti hanno trattato con indometacina sola hanno sperimentato un paziente in- di riduzione media - punteggi riferiti di dolore (0 al disgaggio di 4 Likert in cui 0 non rappresentano dolore e 4 rappresenta il dolore estremo) di 1,40 punti dal riferimento confrontato ad una riduzione media di 1,55 punti dal riferimento di pazienti curati con sia indometacina che ARCALYST®.

Ci sono due studi in corso nel programma di fase 3 con ARCALYST® nella prevenzione dei chiarori di gotta in pazienti che iniziano la terapia d'abbassamento urica.  Lo studio globale di PRE-SURGE 2, che ha una simile progettazione di prova come PRE-SURGE 1, sta valutando il numero dei chiarori di gotta per paziente durante le prime 16 settimane dell'inizio della terapia di allopurinol.  Lo studio globale di RE-SURGE sta valutando la sicurezza di ARCALYST® contro placebo oltre 16 settimane in pazienti che sono a rischio dei chiarori di gotta perché stanno catturando il trattamento d'abbassamento urico della droga.  PRE-SURGE 2 completamente è iscritto e RE-SURGE è più di 90% iscritto.  I dati da entrambi gli studi sono preveduti all'inizio del 2011.  Regeneron possiede le destre mondiali a ARCALYST®.  

Trappola-Occhio di VEGF - malattie oftalmologiche

L'Trappola-Occhio di VEGF è un modulo specialmente depurativo e formulato della trappola di VEGF, che sta sviluppanda per uso nel trattamento intraoculare delle malattie retiniche.  L'Trappola-Occhio di VEGF blocca il fattore di crescita endoteliale vascolare A (VEGF-A), una proteina secernuta che promuove la crescita dei vasi sanguigni.  Egualmente lega altri mediatori dell'angiogenesi, compreso VEGF-B ed il fattore di crescita placentare (PlGF).  L'Trappola-Occhio di VEGF sta sviluppando da Regeneron in collaborazione con la sanità di Bayer.  La sanità di Bayer ha destre commercializzare l'Trappola-Occhio di VEGF fuori degli Stati Uniti, in cui le società divideranno ugualmente negli utili da tutte le vendite future dell'Trappola-Occhio di VEGF.  Regeneron mantiene i diritti esclusivi all'Trappola-Occhio di VEGF negli Stati Uniti.

3 studi bifasi (Trappola-Occhio di valutazione di VISUALIZZAZIONE e 1 di VISUALIZZAZIONE 2) VEGF (oftalmico iso-osmotico del aflibercept) in pazienti con il modulo neovascular di degenerazione maculare senile relativa all'età (AMD bagnato) completamente è iscritto e dati di iniziale da questi studi è preveduto nel quarto trimestre di 2010.  Inoltre, Regeneron e la sanità di Bayer stanno intraprendendo i 3 studi bifasi (COPERNICUS e GALILEO) nell'occlusione retinica centrale del filone (CRVO).  COPERNICUS completamente è iscritto e GALILEO è più di 90% iscritto.  I dati iniziali sono preveduti da entrambi gli studi all'inizio del 2011.  

Nel febbraio 2010, Regeneron e la sanità di Bayer hanno annunciato i risultati di uno studio di fase 2 (chiamato DA VINCI) in pazienti con l'edema maculare diabetico clinicamente significativo (DME).  Nello studio, l'Trappola-Occhio di VEGF ha raggiunto il punto finale primario di un miglioramento statisticamente significativo nell'acuità visiva oltre 24 settimane confrontate a terapia laser focale, il livello di studio di cura in DME.  L'Trappola-Occhio di VEGF ben-è stato tollerato generalmente e gli eventi avversi seri relazionati con la droga non oculari o non oculari sono stati riferiti.  A seguito dell'iniziale 24 settimane del trattamento, pazienti continuano ad essere trattate per altre 24 settimane sugli stessi regimi di dosaggio.  I risultati di un anno iniziali saranno nel 2010 successivamente disponibile.

Aflibercept (trappola) di VEGF - oncologia

Aflibercept (trappola di VEGF) sta sviluppando universalmente da Regeneron e dal suo collaboratore, sanofi-aventis, per il trattamento potenziale dei tumori solidi.  Tre ripartiti con scelta casuale, prova alla cieca, prove di fase 3, che completamente sono iscritte, stanno valutando le combinazioni di regimi standard della chemioterapia con aflibercept o placebo per il trattamento di cancro.  Una prova (chiamata VELOUR) sta valutando il aflibercept come trattamento 2nd-line per cancro colorettale metastatico congiuntamente a FOLFIRI (fluorouracil leucovorin], 5 dell'acido folinico [e irinotecan).  Una seconda prova (VITALE) sta valutando il aflibercept come un trattamento 2nd-line per non piccolo il cancro polmonare localmente avanzato o metastatico delle cellule congiuntamente a docetaxel.  La terza prova (VENEZIA) sta valutando il aflibercept come trattamento 1st-line per carcinoma della prostata castrazione-resistente metastatico congiuntamente a docetaxel/a prednisone.  Sulla base delle tariffe aggettanti di evento, un'analisi provvisoria di VELLUTO si pensa che per essere condotta da uno statistico indipendente ed esamini da un comitato di monitoraggio indipendente di dati (IDMC) nella seconda metà di 2010.  Un IDMC è un organismo degli esperti clinici e statistici indipendenti che si incontra periodicamente per valutare i dati dagli studi.  I risultati finali dallo studio VITALE sono preveduti nella prima metà di 2011 e dallo studio del VELLUTO nella seconda metà di 2011.  Sulla base delle tariffe aggettanti di evento, un'analisi provvisoria di VENEZIA si pensa che esamini da un IDMC del 2011, con i risultati finali preveduti nel 2012.  

Inoltre, uno studio ripartito con scelta casuale di fase 2 (AFFERMI) sta valutando il aflibercept come trattamento 1st-line per cancro colorettale metastatico congiuntamente a FOLFOX (fluorouracil leucovorin], 5 dell'acido folinico [e oxaliplatino).  Lo studio di AFFERMAZIONE completamente è iscritto ed i dati di iniziale sono preveduti nella seconda metà di 2011.  

Anticorpi monoclonali

Dal 2007, Regeneron e i sanofi-aventis hanno collaborato sulla scoperta, sullo sviluppo e sulla commercializzazione degli anticorpi monoclonali completamente umani generati da Regeneron facendo uso della sua tecnologia di VelocImmune®.  Durante il quarto trimestre di 2009, Regeneron e i sanofi-aventis in espansione ed estesi la loro collaborazione con l'obiettivo per avanzare ogni anno una media di quattro - cinque anticorpi in sviluppo clinico fra 2010 e 2017.  Ci sono corrente cinque candidati dell'anticorpo nello sviluppo clinico nell'ambito della collaborazione:

REGN727, un anticorpo a PCSK9, un obiettivo novello per riduzione del colesterolo di LDL, è negli studi di fase 1 facendo uso sia delle vie di somministrazione endovenose che sottocutanee.  Nel maggio 2010, la società ha annunciato quella in un'analisi provvisoria di efficacia di un'dose-intensificazione, ripartito le probabilità su, prova alla cieca, controllata a placebo, prova di fase 1 in volontari sani, diminuzioni sostanziali e dipendenti dalla dose raggiunte REGN727 di cattivo) colesterolo di LDL (.  Ogni gruppo di dosaggio ha consistito di sei trattati e due pazienti di placebo.  Nel luglio 2010, la società ha presentato i dati supplementari dal programma di fase 1.  Alle più alte dosi endovenose provate, un d'una sola dose di REGN727 ha raggiunto una riduzione di media di massimo più maggior di di 60% del colesterolo di LDL dal riferimento che è durato più di un mese.  Alle più alte dosi sottocutanee provate, un d'una sola dose di REGN727 ha raggiunto una riduzione di media di massimo più maggior di di 60% del colesterolo di LDL dal riferimento che è durato più di due settimane.  Gli eventi avversi non seri e nessuna dose che limitano le tossicità sono stati riferiti.  L'escalation della dose è in corso in entrambi gli studi.  

Nel luglio 2010, la società egualmente ha presentato i risultati di un'analisi provvisoria di una dose che crescente, ripartita con scelta casuale, la prova alla cieca, a prova controllata a placebo di efficacia di fase 1 di REGN727 sottocute consegnato in pazienti iperlipidici (ipercolesterolemia familiare e ipercolesterolemia non familiare) sulle dosi stabili degli statins di cui i livelli di LDL erano maggiori di 100 milligrammi per decilitro (mg/dL).  Alla dose elevata provata fin qui, in undici pazienti, un d'una sola dose di REGN727 ha raggiunto una riduzione di media di massimo di circa 40% del colesterolo di LDL dal riferimento.  Gli eventi avversi non seri e nessuna dose che limitano le tossicità sono stati riferiti.  L'escalation della dose in questo studio è in corso.

REGN88, un anticorpo interleukin-6 al ricevitore (IL-6R), ha terminato gli studi di fase 1, i risultati di cui sono stati presentati nel giugno 2010 alla riunione annuale della lega europea contro reaumatismo (EULAR).  REGN88 è stato tollerato bene dai pazienti con l'artrite reumatoide e nessuna dose che limita le tossicità è stata riferita.  Il trattamento con REGN88 ha provocato le riduzioni relative alla dose di biomarcatori di infiammazione.  Uno studio di fase 2/3 di REGN88 nell'artrite reumatoide e uno studio in spondylitis ankylosing, un modulo di fase 2 dell'artrite che soprattutto pregiudica la spina dorsale, stanno iscrivendo i pazienti.

REGN421, un anticorpo a ligand-4 del tipo di delta (Dll4), un obiettivo novello di anti-angiogenesi, è in uno studio di fase 1 in pazienti con le malignità avanzate.

REGN668, un anticorpo interleukin-4 al ricevitore (IL-4R), un obiettivo per le circostanze allergiche ed immuni, ha completato la prova di fase 1 nei volontari sani e forniranno uno studio di fase 2 in pazienti con dermatite atopica nella seconda metà di 2010.

REGN475, un anticorpo al fattore di crescita del nervo (NGF), sta valutando negli studi di fase 2 nell'osteoartrite del ginocchio e di altre indicazioni di dolore.  Nel maggio 2010, la società ha annunciato un'analisi provvisoria di una ripartita le probabilità di, prova alla cieca, quattro-braccio, a prova controllata a placebo di efficacia di fase 2 in 217 pazienti con l'osteoartrite del ginocchio.  Nel luglio 2010, la società ha presentato i risultati supplementari da questa prova con 16 settimane.  Il punto finale primario di questo studio è la sicurezza e REGN475 era generalmente buono tollerato.  Gli eventi avversi emergenti del trattamento serio erano rari.  Gli eventi avversi più frequenti riferiti fra i pazienti che ricevono REGN475 hanno compreso le anomalie sensitive, le artralgie, iper/iporeflessia, l'edema periferico e le reazioni del sito iniezione.  

Nella prima analisi provvisoria di efficacia, REGN475 ha dimostrato i miglioramenti significativi alle due dosi elevate provate rispetto a placebo nei punteggi di camminata medii di dolore oltre 8 settimane che seguono una singola infusione endovenosa (p<0.01).  Nel luglio 2010, la società ha riferito che REGN475 ha dimostrato i miglioramenti significativi alle due dosi elevate provate rispetto a placebo nei punteggi di camminata medii di dolore oltre 16 settimane che seguono una seconda infusione endovenosa alla settimana 8 (p<0.01).  Il dolore è stato misurato dalla scala di valutazione numerica (NRS) come pure dai subscales occidentali di dolore e di funzione di indice analitico di osteoartrite di McMaster e di Ontario (WOMAC).

Su richiesta di FDA, un'altra ditta farmaceutica ha sospeso il suo programma clinico dell'anticorpo anti--NGF nell'osteoartrite ed in determinate altre indicazioni croniche di dolore.  Regeneron ha risposto alle richieste di informazione di FDA circa i pazienti nei test clinici del REGN475 della società.  REGN475 non è corrente sulla tenuta clinica e le prove della fase 2 della società in pazienti con dolore vertebrale di frattura e dolore cronico della pancreatite sono in corso.  La prova della fase 2 della società nell'osteoartrite del ginocchio è stata completata.  La società aggiornerà le sue pianificazioni per REGN475 dopo feedback da FDA.

REGN910: Regeneron pianificazione file una domanda nuova d'investigazione della droga di sesto candidato dell'anticorpo, REGN910, un anticorpo a Angiopoietin-2, un obiettivo novello di anti-angiogenesi, da ora alla fine del 2010.  

Risultati finanziari

Contanti e valori mobiliari

Al 30 giugno 2010, i contanti, i contanti limitati ed i valori mobiliari hanno ammontato a $380,2 milioni rispetto a $390,0 milioni al 31 dicembre 2009.  Durante la prima metà di 2010, la società ha ricevuto $47,5 milioni dal suo proprietario nell'ambito dei costi di miglioramento dell'inquilino per i nuovi impianti dell'ufficio e del laboratorio che la società affitta in Tarrytown, New York.  Inoltre, la società ha ricevuto i pagamenti annuali dell'autorizzazione della tecnologia $20,0 milioni da ciascuno di AstraZeneca e di Astellas durante i primi sei mesi di 2010, come descritto qui sotto.

Redditi

I redditi totali sono aumentato a $115,9 milioni nel secondo trimestre di 2010 da $90,0 milioni nello stesso quarto di 2009 e sono aumentato a $219,4 milioni per la prima metà di 2010 da $165,0 milioni per lo stesso periodo di 2009.  Il reddito della società è stato compreso il reddito di collaborazione, reddito di autorizzazione della tecnologia, vendite nette del prodotto e la ricerca del contratto e l'altro reddito.  

Reddito di collaborazione

Il reddito di collaborazione si riferisce alle collaborazioni del aflibercept e dell'anticorpo della società con i sanofi-aventis ed alla collaborazione dell'Trappola-Occhio del VEGF della società con la sanità di Bayer.  

Il rimborso di Sanofi-aventis delle spese del aflibercept di Regeneron è diminuito per i tre e sei mesi hanno cessato il 30 giugno 2010, confrontato a 2009, dovuto i bassi costi relativi alle offerte cliniche fabbricanti del aflibercept come pure una diminuzione nelle attività di ricerca interne.  Sanofi-aventis egualmente sostiene direttamente le spese dello sviluppo del aflibercept, compreso i costi relativi ai test clinici che di fase 3 i sanofi-aventis sta sorvegliando.  

Il rimborso di Sanofi-aventis delle spese di Regeneron nell'ambito della collaborazione dell'anticorpo aumentata per i tre e sei mesi ha cessato il 30 giugno 2010, ha confrontato agli stessi periodi nel 2009, dovuto un aumento nelle attività di ricerca nell'ambito della collaborazione ampliata delle società, come precedentemente descritto e degli aumenti nelle attività dello sviluppo per i candidati dell'anticorpo nello sviluppo clinico.  

Nei periodi quando la società riconosce le spese dello sviluppo dell'Trappola-Occhio di VEGF che la società sostiene nell'ambito della collaborazione con la sanità di Bayer, la società egualmente riconosce, come reddito di collaborazione, la parte di quelle spese dello sviluppo dell'Trappola-Occhio di VEGF che è rimborsabile dalla sanità di Bayer.  La condivisione dei costi delle spese dello sviluppo dell'Trappola-Occhio del VEGF della società con la sanità di Bayer aumentata per i tre e sei mesi ha cessato il 30 giugno 2010, confrontato allo stesso periodo nel 2009, dovuto gli più alti costi incorsi dalla società nell'ambito dei programmi di sviluppo clinici della collaborazione in AMD bagnato, in DME e in CRVO.  Nel 2010 e 2009, spese dello sviluppo sostenute da Regeneron e sanità di Bayer nell'ambito del piano di sviluppo globale dell'Trappola-Occhio di VEGF è stato diviso ugualmente.  

Reddito di autorizzazione di tecnologia

Regeneron ha preso parte ai contratti di licenza no ecclusivi con AstraZeneca e Astellas che permettono che quelle società utilizzino la tecnologia di VelocImmune® nei loro programmi di ricerca interni per scoprire gli anticorpi monoclonali umani.  Fin qui, la società ha ricevuto quattro $20,0 milione pagamenti annuali e non rimborsabili da ciascuno di AstraZeneca e Astellas in virtù di questi accordi.  Sopra la ricevuta, questi pagamenti sono rinviati e riconosciuti come reddito ratably nel corso dell'anno seguente di ogni accordo.    

Vendite nette del prodotto

Il reddito ed il ricavo differito dalle vendite del prodotto sono netto registrato delle disposizioni applicabili per gli sconti rapidi di paga, rendimenti del prodotto, programmi governativi di sotto pagabili stimati dei bordi nero fotogramma (Medicaid compreso), competenze del distributore commerciale ed altri costi in relazione con vendite.  La società aveva limitato l'esperienza di ritorno storica per ARCALYST® (rilonacept) a cominciare dalle vendite iniziali nel 2008 fino alla fine del 2009; quindi, le vendite nette del prodotto di ARCALYST® sono state rinviate finché la destra di rendimento più non esistesse ed i bordi nero fotogramma potrebbero ragionevolmente essere stimati.  Efficace nel primo trimestre di 2010, la società ha determinato che aveva accumulato i dati storici sufficienti ragionevolmente per stimare sia i rendimenti del prodotto che i bordi nero fotogramma di ARCALYST®.  Di conseguenza, $4,8 milioni di vendite precedentemente rinviate del prodotto del netto di ARCALYST® sono stati riconosciuti come reddito nel primo trimestre di 2010.  

ARCALYST® catturano con la rete le vendite del prodotto hanno ammontato a $5,2 milioni e $4,5 milioni per i tre mesi hanno cessato il 30 giugno 2010 e 2009, rispettivamente e $15,0 milione e $8,4 milioni per i sei mesi hanno cessato il 30 giugno 2010 e 2009, rispettivamente.  ARCALYST® catturano con la rete le vendite del prodotto durante i primi sei mesi di 2010 hanno incluso $10,2 milioni di vendite nette del prodotto fatte durante questo periodo e $4,8 milioni di vendite nette precedentemente rinviate del prodotto, come precedentemente descritto.  Non c'era rendita da vendite rinviata del prodotto del netto di ARCALYST® al 30 giugno 2010.  Al 30 giugno 2009, la rendita da vendite rinviata del prodotto del netto di ARCALYST® era $4,9 milioni.

Spese

Le spese d'esercizio totali per il secondo trimestre di 2010 erano $139,6 milione, 31 per cento superiori allo stesso periodo nel 2009 e $272,0 milioni per i primi sei mesi di 2010, 37 per cento superiore allo stesso periodo nel 2009.  Il conteggio delle persone presenti medio è aumentato a 1.214 nel secondo trimestre di 2010 da 966 dello stesso periodo di 2009 ed è aumentato a 1.151 per la prima metà di 2010 da 952 dello stesso periodo di 2009, dovuto soprattutto alle attività espandentesi di ricerca e sviluppo della società, principalmente nell'ambito della collaborazione dell'anticorpo di sanofi-aventis.  Le spese d'esercizio hanno compreso la spesa non contante della compensazione relativa ai premi dell'azione limitata e di diritti di sottoscrizione di $8,7 milioni nel secondo trimestre di 2010 e $17,5 milioni per i primi sei mesi di 2010, rispetto a $7,4 milione e $15,1 milioni, rispettivamente, per gli stessi periodi di 2009.  

Le spese di ricerca e sviluppo (R & S) sono aumentato a $124,5 milioni nel secondo trimestre di 2010 da $94,2 milioni nel quarto comparabile di 2009 e a $242,0 milioni dei primi sei mesi di 2010 da $174,5 milioni dello stesso periodo di 2009.  Nel secondo trimestre e la prima metà di 2010, la società ha incorso gli più alti costi di R & S, soprattutto relativi al conteggio delle persone presenti supplementare di R & S e costi di realizzazione clinici, offerte cliniche fabbricanti e la ricerca ed altre attività dello sviluppo connesse con i programmi dell'anticorpo monoclonale della società.  Inoltre, le spese di R & S includono la condivisione dei costi delle spese dello sviluppo dell'Trappola-Occhio del VEGF della sanità di Bayer, che sono aumentato a metà il secondo trimestre e primo di 2010 confrontati agli stessi periodi nel 2009, soprattutto dovuto gli più alti costi nell'ambito degli studi dell'Trappola-Occhio di fase 3 VEGF che sono condotti dalla sanità di Bayer.  

Vendita, generale e spese amministrative (SG&A) aumentate a $14,7 milioni nel secondo trimestre di 2010 da $11,7 milioni nel quarto comparabile di 2009 e a $28,9 milioni dei primi sei mesi di 2010 da $23,1 milioni dello stesso periodo di 2009.  A metà il secondo trimestre e primo di 2010, la società ha incorso il più alta spesa della compensazione di SG&A dovuta soprattutto al conteggio delle persone presenti supplementare, il più alta spesa non contante della compensazione e gli più alti costi di assunzione.    

L'altri reddito e spesa

I redditi da investimento sono diminuito a $0,6 milioni nel secondo trimestre di 2010 da $1,3 milioni nel quarto comparabile di 2009 e a $1,0 milioni dei primi sei mesi di 2010 confrontati a $3,1 milioni dello stesso periodo di 2009.  La diminuzione nei redditi da investimento era soprattutto dovuto i bilanciamenti più bassi e rendimenti più bassi di sopra, contanti e valori mobiliari nel 2010 confrontati a 2009.  

Gli interessi passivi di $2,3 milioni nel secondo trimestre di 2010 e $4,4 milioni dei primi sei mesi di 2010 erano attribuibili alla parte di interesse imputato dei pagamenti della società al suo proprietario affittare gli impianti recentemente costruiti dell'ufficio e del laboratorio in Tarrytown, New York.  Questi pagamenti hanno cominciato nel terzo trimestre di 2009.