Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

CD74 può servire da indicatore prognostico per cancro colorettale

CD74 è una proteina cui è espresso in e sulle celle del sistema immunitario, quali i linfociti di B e l'antigene che presentano le celle. Questa proteina è conosciuta per la sua funzione nella facilitazione della presentazione di antigene permettendo alla risposta immunitaria. Ulteriormente, il laboratorio del professor Shachar precedentemente ha indicato che CD74 servisce da ricevitore di sopravvivenza sulle celle del sistema immunitario e che il suo stimolo dal suo legante naturale - il fattore inibitorio (MIF) di migrazione impedisce il apoptosis (autodistruzione) di queste celle. È stato indicato che CD74 contrassegnato è espresso sui numerosi tumori - ematologici come pure epiteliali e può servire da indicatore prognostico. L'espressione e la funzione di CD74 sulle celle epiteliali intestinali del colon è discutibili.

Un articolo della ricerca da pubblicare il 14 luglio 2010 nel giornale del mondo della gastroenterologia rivolge questo problema. Un gruppo degli scienziati intestati dal professor Idit Shachar dall'istituto di Weizmann di scienza nell'Israele, ha dimostrato che CD74 è espresso sulle celle epiteliali del colon. L'espressione CD74 su queste celle è stata indicata alla sopravvivenza delle cellule epiteliali del colon di aumento sopra stimolo dal suo FIM naturale del legante. Questi risultati più ulteriormente sono stati supportati tramite la loro dimostrazione nella linea cellulare colorettale del cancro del mouse, CT-26. Lo stimolo di CD74 espresso su queste celle piombo al phophorylation di Akt ed all'espressione Bcl-2 con conseguente elevazione della sopravvivenza delle cellule. Questi risultati possono aprire un nuovo obiettivo nella ricerca di cancro colorettale.

Source:

World Journal of Gastroenterology