Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'ambulatorio preventivo protegge dal petto, cancro ovarico in donne che portano BRCA1, le mutazioni genetiche BRCA2

Donne che hanno mutazioni genetiche che le mettono ad ad alto rischio di ovarico ed il cancro al seno può diminuire significativamente il rischio di sviluppo o di morte da questi cancri facendo le loro eliminare ovaie o petti sani, secondo un nuovo studio riferito nell'edizione del 1 settembre del giornale di American Medical Association.

Il centro ereditario del Cancro dell'università di Creighton era uno di 22 centri della ricerca e clinici della genetica Europa ed in America settentrionale da partecipare allo studio di 2.482 donne con le mutazioni genetiche ereditate BRCA1 o BRCA2 fra 1974 e 2009.

Henry Lynch, M.D., Direttore del centro del Cancro e del supporto ereditari del Charles F. e presidenza di Maria C. Heider Endowed nella ricerca sul cancro a Creighton, è uno dei co-author dello studio.

“Questi risultati dovrebbero aiutare le donne con queste mutazioni ed i loro medici selezionano le strategie per diminuire le probabilità di un paziente del petto di sviluppo e cancri ginecologici,„ Lynch ha detto. “La riga inferiore è che le vite possono essere salvate. Chiaramente, questi sono risultati coercitivi, dimostranti che l'ambulatorio preventivo offre un livello significativo di protezione contro il petto ed il cancro ovarico per le donne che portano le mutazioni genetiche BRCA1 e BRCA2.„

Lo studio ha seguito ciascuna delle donne per circa quattro anni. Durante lo studio, le donne che hanno avute le loro ovaie e le tube di Falloppio eliminate (una procedura conosciuta come il salpingo-oophorectomy) hanno diminuito il loro rischio di morte dal cancro ovarico da 79 per cento e dal cancro al seno da 56 per cento.

Altri risultati:
• Nessuno delle donne che hanno subito le mastetomia preventive hanno sviluppato il cancro al seno, comunque 7 per cento delle donne che hanno rifiutato la chirurgia hanno fatto.

• Soltanto 1 per cento delle donne che hanno avute almeno un'ovaia e la tuba di Falloppio eliminata ha sviluppato il cancro ovarico, confrontato a 6 per cento delle donne che hanno rifiutato questa chirurgia.

• il Salpingo-oophorectomy egualmente ha diminuito le probabilità di ottenere il cancro al seno; 11 per cento delle donne che subiscono questa chirurgia ha sviluppato il cancro al seno, confrontato a 19 per cento che non hanno avuti chirurgia.

Un pioniere nel campo di ricerca sul cancro genetica, Lynch era fra i primi medici internazionalmente per identificare le mutazioni genetiche BRCA1 e BRCA2 e per raccomandare l'ambulatorio preventivo profilattico per diminuire il rischio di ovarico ed il cancro al seno in donne che ereditano le mutazioni.

Lynch ha notato che molte donne che verificano il positivo a mutazioni BRCA1 o BRCA2, specialmente giovani donne, sono riluttanti ad avere gli ambulatori preventivi per diminuire il loro rischio di petto o di cancro ovarico a causa di come pregiudicherà il loro aspetto fisico o di perché pianificazione avere bambini.

Queste donne devono essere riflesse intensivamente dai loro medici e ricevono le selezioni più frequenti, compreso i mammogrammi. La chemioterapia preventiva è un'altra opzione, ha detto.

Donne che hanno ereditato le mutazioni nel BRAC1 o geni BRCA2 hanno elevato sostanzialmente i rischi di cancro al seno e di cancro ovarico, con un rischio di vita di cancro al seno di 56 per cento - 84 per cento. I rischi di cancro ovarico stimati variano fra 36 per cento - 63 per cento per i portafili di mutazione BRCA1 e 10 per cento - 27 per cento per i portafili BRCA2.

Mentre la maggior parte del cancro al seno si presenta in donne, gli uomini possono anche sviluppare il cancro.

Source:

Journal of the American Medical Association